"Finalmente ho raggiunto il MIO traguardo e risolto il segreto della mia anima: Io sono QUELLO a cui rivolgevo le preghiere, QUELLO a cui chiedevo aiuto. Sono QUELLO che ho cercato. Sono la stessa vetta della MIA montagna. Guardo la creazione come una pagina del MIO stesso libro. Sono infatti l'UNICO che produce i molti, della stessa sostanza che prendo da ME.
Poiché TUTTO è ME, non vi sono due, la creazione è ME STESSO, dappertutto. Quello che concedo a ME stesso, lo prendo da ME stesso e lo do a ME stesso, l'UNICO, poiché sono il Padre ed il Figlio. Quanto a quello che voglio, non vedo altro che i MIEI desideri, che sgorgano da ME.
Sono infatti il conoscitore, il conosciuto, il soggetto, il governante ed il trono. Tre in UNO è quello che sono e l'inferno è solo un argine che ho messo al MIO stesso fiume, allorché sognavo durante un incubo. Sognai che non ero il SOLO unico e così IO stesso iniziai il dubbio, che fece il suo corso, finché non mi svegliai. Trovai così che IO avevo scherzato con ME stesso.
Ora che sono sveglio, riprendo di sicuro il MIO trono e governo il MIO regno che è ME stesso, il signore per l'eternità."

Da Dallas alle Torri Gemelle. E L'unico uomo al mondo a non ricordare del momento esatto in cui apprese la notizia della morte di Kennedy

Se c'è un motivo per cui insistiamo sull'importanza dell'omicidio Kennedy, dopo oltre 40 anni dall'evento, non è certo per "cospirazionismo congenito", ma per un fatto molto più semplice e tangibile:

La stessa persona che era a Dallas il 22 Novembre 1963 dormì alla Casa Bianca il 10 Settembre 2001.

E ciò per sua stessa ammissione, in ambedue i casi. Anzi, nel primo George H. Bush, padre-padrone del Nuovo Ordine Mondiale - oltre che dell'attuale presidente, George W. Bush - si premurò di informare l'FBI della sua presenza a Dallas quel giorno, proprio nelle ore in cui il corteo di Kennedy si presentava all'appuntamento con la storia in Dealey Plaza.

Nelle stesse ore Richard Nixon, presente a Dallas da tre giorni "per motivi personali" - peraltro mai accertati - ripartiva alla volta di New York, dove avrebbe appreso dell'avvenuto omicidio di John Kennedy. Sarebbe diventato l'unico uomo al mondo a non ricordarsi del momento esatto in cui apprese la notizia, fornendone negli anni ben tre versioni differenti: all'aeroporto, durante il tragitto in taxi, sotto il portone di casa.

Diventano così tre, contando anche Johnson che lo sarebbe diventato quel pomeriggio, i futuri presidenti che erano a Dallas quel giorno. Un curioso crocevia della storia, se non altro.

Ma la persona più importante di tutte, in questa vicenda, è sicuramente Prescott Bush, padre del Bush che era a Dallas quel giorno, e nonno dell'attuale presidente.
Oltre che ad aver avuto un ruolo determinante, dietro le quinte, in tutta la politica americana del dopoguerra, Prescott Bush di recente è risultato esser stato implicato nei pesanti finanziamenti illeciti che contribuirono all'ascesa di Hitler al potere.

Eccone la vicenda dettagliata, che merita di essere conosciuta per meglio inquadrare la potenza di una dinastia che ancora oggi regna indisturbata sugli Stati Uniti d'America.
Leggete tutto l'articolo su:

2 commenti:

Dante ha detto...

Scusa se ti assillo con i commenti di recente, ma qui trovo interessanti articoli a non finire!

E' da qualche anno che girano certe informazioni sulla famiglia Bush nei blog e alt-sites americani, per non parlare di Prescott Bush e i suoi legami con i Nazisti.

Ma non c'è davvero limite al peggio e il libro di Michael Collins Piper su JFK sembra toccare quasi il fondo. Il problema è anche che è strapieno di note e riferimenti. Certe morti autorevoli sembrano avere il via libera internazionale, come se ci fosse davvero un governo ombra che accomuni e leghi certe... politiche.

giuditta ha detto...

Assillarmi? vuoi scherzare? Questo blog l'ho voluto e ideato per mio personale gradimento, e come promemoria e raccoglitore di articoli e fatti importanti e misconosciuti, un elenco di siti che amo e che voglio avere a portata di mano, TV e radio e documentari....ma incominciavo a sentirmi sola, e inutile...Se trovate informazioni anche tu e altri, sono felice. Le tue informazione sono preziosissime per me, il libro che dici non lo conoscevo....
Non c'è fine al peggio, come dici tu. Il governo c'è sul serio, non credo di avere sognato tutto, ma spero di svegliarmi un giorno da questo incubo diabolico.

Archivio blog