"Finalmente ho raggiunto il MIO traguardo e risolto il segreto della mia anima: Io sono QUELLO a cui rivolgevo le preghiere, QUELLO a cui chiedevo aiuto. Sono QUELLO che ho cercato. Sono la stessa vetta della MIA montagna. Guardo la creazione come una pagina del MIO stesso libro. Sono infatti l'UNICO che produce i molti, della stessa sostanza che prendo da ME.
Poiché TUTTO è ME, non vi sono due, la creazione è ME STESSO, dappertutto. Quello che concedo a ME stesso, lo prendo da ME stesso e lo do a ME stesso, l'UNICO, poiché sono il Padre ed il Figlio. Quanto a quello che voglio, non vedo altro che i MIEI desideri, che sgorgano da ME.
Sono infatti il conoscitore, il conosciuto, il soggetto, il governante ed il trono. Tre in UNO è quello che sono e l'inferno è solo un argine che ho messo al MIO stesso fiume, allorché sognavo durante un incubo. Sognai che non ero il SOLO unico e così IO stesso iniziai il dubbio, che fece il suo corso, finché non mi svegliai. Trovai così che IO avevo scherzato con ME stesso.
Ora che sono sveglio, riprendo di sicuro il MIO trono e governo il MIO regno che è ME stesso, il signore per l'eternità."

New York. L'aereo di Obama terrorizza New York

27 aprile-Due caccia F-16 e un Boeing-747 della flotta presidenziale che per 30 minuti hanno sorvolato la Statua della Liberta' e il fiume Hudson.
In molti hanno pensato di rivivere l'incubo dell'11 settembre e si sono riversati per strada, con interi uffici e negozi evacuati. Solo più' tardi la polizia ha reso noto che il sorvolo di Manhattan era stato organizzato dalle forze armate per scattare le foto del velivolo gemello dell'Air Force One di Barack Obama con lo sfondo della Grande Mela. La Federal Aviation Administration (FAA) ha spiegato che il sorvolo era stato autorizzato in anticipo. Ma molti newyorchesi hanno reagito con rabbia al fuori programma che per qualche minuto ha ridato vita ai fantasmi dell'attacco alle Torri gemelle. Con dodici ore di ritardo alla Casa Bianca si sono resi conto della sciocchezza fatta e hanno chiesto scusa per lo spavento causato.
agi.it

0 commenti:

Archivio blog