"Finalmente ho raggiunto il MIO traguardo e risolto il segreto della mia anima: Io sono QUELLO a cui rivolgevo le preghiere, QUELLO a cui chiedevo aiuto. Sono QUELLO che ho cercato. Sono la stessa vetta della MIA montagna. Guardo la creazione come una pagina del MIO stesso libro. Sono infatti l'UNICO che produce i molti, della stessa sostanza che prendo da ME.
Poiché TUTTO è ME, non vi sono due, la creazione è ME STESSO, dappertutto. Quello che concedo a ME stesso, lo prendo da ME stesso e lo do a ME stesso, l'UNICO, poiché sono il Padre ed il Figlio. Quanto a quello che voglio, non vedo altro che i MIEI desideri, che sgorgano da ME.
Sono infatti il conoscitore, il conosciuto, il soggetto, il governante ed il trono. Tre in UNO è quello che sono e l'inferno è solo un argine che ho messo al MIO stesso fiume, allorché sognavo durante un incubo. Sognai che non ero il SOLO unico e così IO stesso iniziai il dubbio, che fece il suo corso, finché non mi svegliai. Trovai così che IO avevo scherzato con ME stesso.
Ora che sono sveglio, riprendo di sicuro il MIO trono e governo il MIO regno che è ME stesso, il signore per l'eternità."

Giorgio Ambrosoli

dal blog di Piero Ricca

Era la notte tra l’undici e il dodici luglio 1979 quella in cui gli spararono. Sono passati trent’anni dall’assassinio di Giorgio Ambrosoli.

Per ricordarne la figura ora c’è anche il libro del figlio, l’amico Umberto Ambrosoli: “Qualunque cosa succeda” (Sironi).

“Muovendo lo sguardo da quegli anni a oggi - scrive Umberto - mi sembra che l’unica vera differenza stia in una maggiore sfrontatezza”.

0 commenti:

Archivio blog