"Finalmente ho raggiunto il MIO traguardo e risolto il segreto della mia anima: Io sono QUELLO a cui rivolgevo le preghiere, QUELLO a cui chiedevo aiuto. Sono QUELLO che ho cercato. Sono la stessa vetta della MIA montagna. Guardo la creazione come una pagina del MIO stesso libro. Sono infatti l'UNICO che produce i molti, della stessa sostanza che prendo da ME.
Poiché TUTTO è ME, non vi sono due, la creazione è ME STESSO, dappertutto. Quello che concedo a ME stesso, lo prendo da ME stesso e lo do a ME stesso, l'UNICO, poiché sono il Padre ed il Figlio. Quanto a quello che voglio, non vedo altro che i MIEI desideri, che sgorgano da ME.
Sono infatti il conoscitore, il conosciuto, il soggetto, il governante ed il trono. Tre in UNO è quello che sono e l'inferno è solo un argine che ho messo al MIO stesso fiume, allorché sognavo durante un incubo. Sognai che non ero il SOLO unico e così IO stesso iniziai il dubbio, che fece il suo corso, finché non mi svegliai. Trovai così che IO avevo scherzato con ME stesso.
Ora che sono sveglio, riprendo di sicuro il MIO trono e governo il MIO regno che è ME stesso, il signore per l'eternità."

Una banca lettone chiede un'anima come garanzia di prestito.


In questi tempi di crisi economica, una società lettone propone di dare la propria anima come garanzia per un prestito. I clienti interessati, di cui solo il nome è richiesto, sono invitati a firmare un documento intitolato "Accordo" e che cita: "Questa è il la mia anima immortale ".

Occhiali da sole, giacca e pantaloni neri e T-shirt bianca, Viktor Mirosiichenko, 34 anni, rappresentante della società Kontora, assicura che nessun cacciatore di debito verrà inviato a recuperare il dovuto, se la persona non rimborsasse, e nessun metodo violento sarà utilizzato.

"Se non rimborsano, che cosa possiamo fare? I debitori non avranno più l'anima, ecco tutto", dichiara, installato nel suo ufficio, semplicemente arredato con un tavolo, un computer e tre sedie. Un fascio di banconote in tasca per dimostrare la serietà della transazione.

La Lettonia è il paese dell'Unione Europea il più gravemente colpito dalla crisi economica mondiale. La disoccupazione cresce, le banche prestano meno, e le piccole società che offrono prestiti facili pullulano.

Il prestito più importante fatto finora da Kontora ammonta a 358 euro, da rimborsare entro 90 giorni, con un elevato tasso di interesse.

Circa 200 persone hanno contratto un prestito, da quando la società ha aperto due mesi fa, sottolinea Viktor Mirosiichenko.

0 commenti:

Archivio blog