"Finalmente ho raggiunto il MIO traguardo e risolto il segreto della mia anima: Io sono QUELLO a cui rivolgevo le preghiere, QUELLO a cui chiedevo aiuto. Sono QUELLO che ho cercato. Sono la stessa vetta della MIA montagna. Guardo la creazione come una pagina del MIO stesso libro. Sono infatti l'UNICO che produce i molti, della stessa sostanza che prendo da ME.
Poiché TUTTO è ME, non vi sono due, la creazione è ME STESSO, dappertutto. Quello che concedo a ME stesso, lo prendo da ME stesso e lo do a ME stesso, l'UNICO, poiché sono il Padre ed il Figlio. Quanto a quello che voglio, non vedo altro che i MIEI desideri, che sgorgano da ME.
Sono infatti il conoscitore, il conosciuto, il soggetto, il governante ed il trono. Tre in UNO è quello che sono e l'inferno è solo un argine che ho messo al MIO stesso fiume, allorché sognavo durante un incubo. Sognai che non ero il SOLO unico e così IO stesso iniziai il dubbio, che fece il suo corso, finché non mi svegliai. Trovai così che IO avevo scherzato con ME stesso.
Ora che sono sveglio, riprendo di sicuro il MIO trono e governo il MIO regno che è ME stesso, il signore per l'eternità."

Vaccini e genocidio programmato



Vaccini abortivi per il controllo demografico

Traduzione ed introduzione a cura di Corrado Penna originariamente del blog scienzamarcia

Dall'ottimo sito thinktwice.com, che denuncia i danni causati dai vaccini, traggo e traduco questo approfondimento sulla storia dei vaccini per il controllo demografico distribuiti (durante gli anni '90 del secolo scorso) solo alle donne in età fertile di alcune nazioni povere sotto la supervisione dell'Organizzazione Mondiale per la Salute (OMS, ovvero in inglese WHO - World Health Organization).

Tale ente sovranazionale, che adesso preme per la vaccinazione contro l'influenza suina, si è già quindi mostrato in un recente passato colpevole di un pesantissimo reato (per il quale nessuno ovviamente è stato punito).

Adesso l'OMS fornisce indicazioni sulla necessità di inoculare questi nuovi vaccini nelle donne incinte e le autorità sanitarie italiane ribadiscono che le donne incinte devono essere vaccinate. Questi vaccini per l'influenza suina hanno già causato decine di aborti, anche se ovviamente le autorità sanitarie, colpevoli di questo e di altri passati crimini, non incrimineranno mai sé stesse per quanto successo, e negano ogni collegamento fra gli aborti ed i vaccini; al contrario le madri che hanno vissuto in prima persona l'esperienza non hanno dubbi sul fatto che il vaccino abbia causato l'aborto.

D'altronde anche i vaccini per l'influenza suina contengono sostanze (in particolare squalene e polisorbato) che fanno parte della formulazione di vaccini anticoncezionali brevettati per gli animali. La storia si ripete.

Notevole è anche la maniera in cui l'OMS ed il Ministero della Sanità hanno l'evidenza fornendo una prima risposta denigratoria (i test non sono stati eseguiti da laboratori affidabili), poi di fronte a nuove analisi si sono barricati dietro nuove scuse (si tratta quantità insufficienti per produrre anticorpi contro l'ormone della gravidanza) ed infine a fronte del rilevamento diretto degli anticorpi nel sangue delle donne vaccinate hanno tirato fuori dal cappello l'ennesima scusa (si tratta solo di falsi positivi). Anche questa storia ricorda molto da vicino l'atteggiamento negazionista dell'OMS e dei vari Ministeri della Salute riguardo alla pericolosità dello squalene presente nei vaccini per l'influenza suina. La storia si ripete, ancora una volta.

E guarda caso, nel tentativo di tranquillizzare la gente rispetto alla presenza dello squalene nei vaccini, le autorità sanitarie insistono nel dire che lo squalene è una sostanza normalmente presente all'interno del nostro corpo e che si trova anche in alcuni cibi che ingeriamo e quindi non potrebbe arrecare alcun danno all'organismo umano. Ma come l'ormone naturale hCG è presente naturalmente nel corpo femminile e la sua inoculazione assieme a degli elementi estranei (tossoide del tetano) causa la creazione di anticorpi contro di esso, lo squalene è naturalmente presente nel corpo umano ma la sua inoculazione (che è ad ogni modo cosa differente dall'ingestione attraverso il cibo) assieme a degli elementi estranei (proteine del virus e composti chimici contenuti nel vaccino) può ingannare il sistema immunitario e fare sì che esso crei anticorpi contro lo squalene. Essendo tale sostanza naturalmente presente nel corpo umano questo vuol dire che, una volta creatisi gli anticorpi contro lo squalene, il sistema immunitario aggredisce lo stesso corpo che lo ospita originando della malattie autoimmuni.

Are New Vaccines laced with Birth-Control Drugs?

I nuovi vaccini sono addizionati con farmaci per il controllo demografico?

Durante i primi anni '90 l'OMS (Organizzazione Mondiale della Salute) ha supervisionato una massiccia campagna di vaccinazione contro il tetano in una serie di nazioni, tra le quali il Nicaragua, il Messico, e le Filippine. Nell'Ottobre del 1994, HLI [Human Life International, organizzazione cattolica per la difesa della vita e contro l'aborto - N.d.T.] ricevette una comunicazione dall'affiliato Comite' Pro Vida del Messico riguardo ad una campagna di vaccinazione anti-tetano.

Sospettoso dei protocolli della campagna, tale comitato ha ottenuto diverse fiale del vaccino e le ha fatte analizzare da parte di alcuni chimici. Si è così scoperto che alcune delle fiale contenevano la gonadotropina corionica umana (hCG), un ormone naturale che è essenziale per portare a termine la gravidanza.

hCG e anticorpi all'Anti-hCG

In natura l'ormone hCG avverte il corpo della donna della presenza di una gravidanza e causa il rilascio di altri ormoni al fine di preparare la mucosa uterina per l'impianto dell'uovo fertilizzato. Il rapido aumento dei livelli di hCG dopo il concepimento ne rende un eccellente marcatore per la conferma della gravidanza: quando una donna esegue un test per la gravidanza il controllo non viene effettuato direttamente sulla presenza della gravidanza, ma indirettamente sulla presenza elevata dell'ormone hCG.

Tuttavia, quando viene introdotto nel corpo accoppiato con un tossoide del tetano come vettore, vengono formati anticorpi non solo contro il tetano, ma anche contro l'hCG. In questo caso il corpo non riconosce più l'hCG come sostanza [endogena] amica e produce anticorpi contro di esso. Gli anticorpi contrasteranno le successive gravidanze distruggendo l'ormone hCG che naturalmente sostiene la gravidanza; quando una donna ha sufficienti anticorpi contro l'hCG nel suo sistema immunitario, viene resa incapace di portare avanti una gravidanza .(1)

HLI ha riportato le prime notizie raccolte su questi vaccini messicani contro il tetano ai membri ed agli affiliati del suo Consiglio Mondiale presenti in più di 60 paesi.(2) Subito ulteriori rapporti di vaccini addizionati con ormoni hCG iniziarono a giungere dalle Filippine, dove più di 3.4 milioni di donne erano state recentemente vaccinate. Rapporti simili vennero dal Nicaragua, che aveva condotto la propria campagna di vaccinazione nel 1993.

I fatti accertati

Queste sono i fatti accertati riguardanti le campagne di vaccinazione in Messico e nelle Filippine:
* Solo donne sono state vaccinate, e solo le donne in età compresa tra i 15 ed i 45 anni. (in Nicaragua il range di età è stato tra i 12 ed i 49 anni). Ma gli uomini non hanno la stessa probabilità delle giovani donne di entrare in contatto col tetano? E che dire dei bambini? Perchè sono stati esclusi?

* L'ormone della gonadotropina corionica umana (hCG) è stato trovato nei vaccini. Non ha niente a che fare con essi - per usare il linguaggio utilizzato durante il processo per omicidio a O.J. Simpson, i vaccini sono stati "contaminati."

* I protocolli di vaccinazione prevedevano iniezioni multiple - tre nel giro di tre mesi per un totale complessivo di cinque. Ma, dal momento che la vaccinazione contro il tetano fornisce protezione per dieci anni o più, per quale motivo vengono previste inoculazioni multiple?(3)

* L'OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) è stata attivamente coinvolta per più di 20 anni nello sviluppo di un vaccino anti-fertilità che utilizzasse l'hCG legato al tossoide del tetano che agiva come vettore - lo stesso identico accoppiamento che è stato ritrovato nei vaccini del Messico, Filippine e Nicaragua.(4)


La Banda dell'anti-fertilità

Alleati con l'OMS nello sviluppo di un vaccino contro la fertilità (AFV, anti-fertility vaccine) che utilizzasse l'hCG assieme al tetano e ad altri vettori, sono stati l'UNFPA (United Nations Population Fund, Fondo per la Popolazione delle Nazioni Unite) , il programma di sviluppo delle Nazioni Unite (UNDP, United Nations Development Programme), la Banca Mondiale (World Bank), il Consiglio per la Popolazione (Population Council), la Fondazione (Rockefeller Foundation), l'Istituto Indiano Federale per le Scienze Mediche, ed un certo numero di università, tra le quali quella di Uppsala, di Helsinki, e dell'Ohio.(5) Lo statunitense Istituto Nazionale per la Salute del Bambino e lo Sviluppo Umano (National Institute of Child Health and Human Development, che è parte del Servizio Sanitario Nazionale) è stato il fornitore dell'ormone hCG in alcuni degli esperimenti sui vaccini anti-fertilità.(6)

L'OMS ha iniziato il suo "Programma Speciale" sulla riproduzione umana nel 1972, e fino al 1993 aveva speso più di 356 milioni di dollari in ricerche sulla "salute della riproduzione".(7) E' questo "Programma" che è stato pioniere del vaccino che fa abortire. Più di 90 milioni di dollari dei fondi per questo Programma furono contribuiti dalla Svezia; la Gran Bretagna ha donato più di 52 milioni di dollari, mentre Norvegia, Danimarca e Germania ci misero dentro rispettivamente 41 milioni, 27 milioni e 12 milioni di dollari. Gli Stati Uniti a causa dei tagli a tali fondi durante le amministrazioni di Reagan e Bush, hanno contribuito per "soli" 5,7 milioni, incluso un nuovo pagamento nel 1993 da parte dell'amministrazione Clinton di 2,5 milioni. Altri principali contribuenti del Programma dell'OMS includono: UNFPA, 61 milioni di dollari; Banca Mondiale, 15,5 milioni di dollari; Fondazione Rockefeller, 2,5 milioni di dollari; Fondazione Ford, oltre 1 milione di dollari; e l'IDRC (International Research and Development Centre, ovvero Centro Internazionale per la Ricerca e lo Sviluppo del Canada), 716,5 migliaia di dollari.

Le scuse dell'OMS e del Ministero della Sanità filippino

Quando nelle Filippine sono venuti alla luce i primi rapporti dei vaccini per il tetano addizionati con l'ormone hCG, l'OMS ed il Ministero della Sanità filippino (DOH , Department of Health) sul momento hanno negato i vaccini contenessero hCG. Messi a fronte dei risultati dei test di laboratorio che riscontravano la presenza di tale ormone in tre della quattro fiale esaminate di tossoide del tetano, l'OMS ed il Ministero della Sanità ironizzarono su quella prova proveniente da fonti "pro-vita e cattoliche". Quattro nuove fiale del vaccino per il tetano furono consegnate dal Ministero della Sanità filippino al Centro Medico San Luca di Manila (St. Luke's Medical Center, luterano) e tutte e quattro le fiale risultarono positive alla presenza di hCG!

Dalla decisa negazione si passò allora all'affermazione della "insignificante" quantità di hCG presente [nei vaccini]: il volume di hCG presente è insufficiente [secondo l'OMS ed il Ministero della Sanità] per produrre anticorpi contro l'ormone hCG.

Ma da parte di gruppi pro-vita e cattolici furono eseguiti nuovi test specifici per rilevare la presenza di anticorpi contro l'hCG nel siero sanguigno delle donne vaccinate. Su trenta donne testate in seguito alla vaccinazione per il tetano, 26 risultavano positive alla presenza di alti livelli di anticorpi contro l'hCG! Se non ci fosse stato hCG nei vaccini, o se fosse stato presente solo in quantità "insignificanti", perchè mai si sarebbe riscontrato nelle donne vaccinate la presenza di anticorpi contro l'hCG? L'OMS ed il Ministero della Sanità non avevano risposte.

E così spuntarono fuori nuovi argomenti [difensivi]: l'apparente presenza dell'hCG [sostenevano adesso l'OMS ed il Ministero della Sanità filippino] nei vaccini era dovuta a dei "falsi positivi" causati dalle particolari sostanze mescolate nei vaccini o nei test chimici per il rilevamento dell' hCG. Ed anche se l'hCG ci fosse realmente stato [nei vaccini], la sua presenza era causata dal processo di fabbricazione.

Ma il ritrovamento degli anticorpi all' hCG nel siero sanguigno delle donne vaccinate ovviava alla necessità di restare invischiati in tali questioni. Non era più necessario discutere su quale potesse essere stata la causa dell'eventuale presenza dell'hCG, dal momento che adesso era stato dimostrato l'effetto dell'hCG. Non c'è nessuna maniera nota che possa spiegare la presenza di anticorpi all'hCG nel sangue delle donne vaccinate a parte l'introduzione artificiale di hCG nei loro corpi!

Perchè un tossoide del tetano come "vettore"?

Perchè il corpo umano non attacca il suo ormone hCG naturalmente prodotto, il corpo deve essere ingannato camuffando l'hCG da nemico invasore in maniera tale da sviluppare un efficace vaccino contro la fertilità utilizzando anticorpi contro l'hCG. Un documento stilato nel corso del quarto Congresso Internazionale sull'Immunologia Riproduttiva (Kiel, Germania, 26-29 luglio 1989) lo spiegava bene: "Il legame con un vettore è stato realizzato per sopraffare la tolleranza immunologica all'hCG."(8)

Vaccini non testati dall'Agenzia per i Farmaci

Dopo chela controversia sui vaccini aveva raggiunto un picco febbrile, esplose una nuova bomba; nessuno dei tre differenti tipi di vaccino per il tetano che erano stati utilizzati era mai stato approvato per la vendita e la distribuzione o registrato dall'Agenzia Filippina per il Cibo ed i Farmaci (BFAD, Philippine Bureau of Food and Drugs), come richiesto dalla legge. Il presidente del BFAD in maniera poco convincente spiegò che le aziende che distribuivano questi tre tipi [di vaccini] "non avevano fatto richiesta di registrazione."(9) Le aziende in questione sono la Connaught Laboratories Ltd. e l'Intervex, entrambe del Canada, e la CSL Laboratories dell'Australia.

Sembrò che il BFAD dovesse tardivamente richiedere un ri-testaggio [dei vaccini] ma l'idea fu subito rigettata quando il Ministro della Sanità dichiarò che, dal momento che i vaccini erano stati certificati dall'OMS - eccoli di nuovo! - c'era sufficiente garanzia che i "vaccini venissero da aziende rispettabili."(10)

Quanto possa essere "rispettabile" una delle aziende fabbricatrici [dei vaccini] è questionabile. Nella metà degli anni '80 si è scoperto che la Connaught Laboratories stava distribuendo consapevolmente fiale di prodotti sanguigni contaminati dall'AIDS.(11)

Epilogo

A questo punto stanno iniziando a venire alla luce prove dall'Africa.(12) HLI ha richiesto una indagine congressuale sulla situazione, dal momento che quasi tutte le agenzie coinvolte nello sviluppo di un vaccino anti-fertilità sono state finanziate, almeno in parte, da parte degli Stati Uniti.

NOTE:

(1) "Abortifacient vaccines loom as new threat" (Vaccini abortivi si profilano come una nuova minaccia), HLI Reports, November 1993, pp. 1-2.
(2) World Council Reports (rapporti del consiglio mondiale di HLI), 28 November 1994, pp. 4-5.
(3) Una chiamata fatta dall'autore di questo articolo il 5 maggio del 1995 alla Dipartimento della Sanità della contea di Montgomery (Maryland), Divisione Epidemiologica, - Malattie Infettive - Immunizzazione degli Adulti, ha ottenuto le seguenti informazioni:

Domanda: Per quanto tempo offre protezione una vaccinazione per il tetano?
Risposta: 10 anni.
Domanda: Avete mai sentito parlare di un adulto che avesse bisogno di tre vaccinazioni contro il tetano in un lasso di tempo di 3 o 4 mesi, ed un totale di 5 vaccinazioni nel giro di un anno?
Risposta: Cooosaaa? Mai. In nessun caso!

Rapporti dalle Filippine sembrano confermare l'immunità di 10 anni offerta dalle vaccinazioni col tossoide del tetano: prima della campagna iniziata nel 1993, le così dette iniezioni di richiamo erano effettuate solo ogni 10 anni.

(4) Più di una ventina di articoli, la maggior parte scritti da ricercatori dell'OMS, documentano i tentativi dell'OMS di creare un vaccino contro la fertilità utilizzando il tossoide del tetano come vettore. Alcuni articoli rilevanti includono:

"Clinical profile and Toxicology Studies on Four Women Immunized with Pr-B-hCG-TT," Contraception, February, 1976, pp. 253-268.

"Observations on the antigenicity and clinical effects of a candidate antipregnancy vaccine: B-subunit of human chorionic gonadotropin linked to tetanus toxoid," Fertility and Sterility, October 1980, pp. 328-335.

"Phase 1 Clinical Trials of a World Health Organisation Birth Control Vaccine," The Lancet, 11 June 1988, pp. 1295-1298. "Vaccines for Fertility Regulation," Chapter 11, pp. 177-198, Research in Human Reproduction, Biennial Report (1986-1987), WHO Special Programme of Research, Development and Research Training in Human Reproduction (WHO, Geneva 1988).

"Anti-hCG Vaccines are in Clinical Trials," Scandinavian Journal of Immunology, Vol. 36, 1992, pp. 123-126.

(5) I nomi di tali istituzioni sono stati raccolti dagli articoli di giornale citati nella nota precedente.
(6) Lancet, 11 Giugno 1988, pag. 1296.
(7) Challenges in Reproductive Health Research, Biennial Report 1992-1993, World Health Organization, Geneva, 1994, p. 186.
(8) G.P. Talwar, et al, "Prospects of an anti-hCG vaccine inducing antibodies of high affinity...(etc)," Reproductive Technology 1989, Elsevier Science Publishers, 1990, Amsterdam, New York, p. 231.
(9) "3 DOH vaccines untested by BFAD," The Philippine Star, 4 April 1995, pp. 1, 12.
(10) "BFAD junks re-testing of controversial shot," Manila Standard, 7 April 1995; "DOH: Toxoid vaccines are safe," The Philippine Star, 7 April 1995.
(11) "Ottawa ha ricevuto sangue contaminato dall' HIV." Ottawa Citizen, 4 Aprile 1995.
(12) Una comunicazione vecchia di quasi due anni proveniente dall Tanzania racconta una storia familiare: vaccinazioni con il tossoide del tetano, cinque in tutto, somministrate solo a donne con età compresa tra i 15 ed i 45 anni. Anche in Nigeria molte ne potrebbero essere state colpite; vedi The Lancet, 4 giugno 1988, pag. 1273.
Articolo scritto nel luglio del 1995 da James A. Miller, corrispondente speciale per Human Life International. Articolo originariamente pubblicato su HLI Reports, Human Life International, Gaithersburg, Maryland; June/July 1995, Volume 13, Number 8.


Leggi il dossier sull'influenza suina ed i vaccini tossici; scaricalo sul tuo Pc e diffondilo.
Leggi e diffondi il dossier della dottoressa Forcades Vila.
Leggi e diffondi il dossier di J. J. Crèvecoeur oppure scaricalo da mediafire, e soprattutto metti in opera quanto da egli suggerito come piano di azione.
Leggi il documento ipertestuale vaccipiano.

0 commenti:

Archivio blog