"Finalmente ho raggiunto il MIO traguardo e risolto il segreto della mia anima: Io sono QUELLO a cui rivolgevo le preghiere, QUELLO a cui chiedevo aiuto. Sono QUELLO che ho cercato. Sono la stessa vetta della MIA montagna. Guardo la creazione come una pagina del MIO stesso libro. Sono infatti l'UNICO che produce i molti, della stessa sostanza che prendo da ME.
Poiché TUTTO è ME, non vi sono due, la creazione è ME STESSO, dappertutto. Quello che concedo a ME stesso, lo prendo da ME stesso e lo do a ME stesso, l'UNICO, poiché sono il Padre ed il Figlio. Quanto a quello che voglio, non vedo altro che i MIEI desideri, che sgorgano da ME.
Sono infatti il conoscitore, il conosciuto, il soggetto, il governante ed il trono. Tre in UNO è quello che sono e l'inferno è solo un argine che ho messo al MIO stesso fiume, allorché sognavo durante un incubo. Sognai che non ero il SOLO unico e così IO stesso iniziai il dubbio, che fece il suo corso, finché non mi svegliai. Trovai così che IO avevo scherzato con ME stesso.
Ora che sono sveglio, riprendo di sicuro il MIO trono e governo il MIO regno che è ME stesso, il signore per l'eternità."

ENCEFALOPATIA IMMUNO-ALLERGO-TOSSICA OVVERO AUTISMO

Autismo da vaccinazione: aumentano i successi giudiziari

(Iniziate a chiamare l’AUTISMO col suo vero nome: ENCEFALOPATIA IMMUNO-ALLERGO-TOSSICA causata dalla vaccinazioni)

Pubblicato da Autismo & Vaccini su 22 marzo 2012
Il Tribunale di Rimini, Sezione Lavoro, con la Sentenza n. 148/2012 del 15.3.2012, ha riconosciuto in capo al minore B.V. il nesso di causalità tra la vaccinazione ed l’autismo, ed i benefici di indennizzo di cui alla Legge n. 210/1992.
Sono state accolte tutte le richieste difensive.
Sul sito del COMILVA [Coordinamento del Movimento Italiano per la Libertà delle Vaccinazioni] è possibile leggere la sentenza predetta, molto interessante per le motivazioni ivi contenute.
Come scritto dall’Avv. Ventaloro, nel suo breve messaggio di presentazione, si stanno ”ottenendo in tutta Italia sempre più successi giudiziari, segno di una rinnovata consapevolezza medico-legale e giuridica.
Tutto in favore di soggetti ‘deboli’, che a causa di una prassi sanitaria pericolosa e praticata in maniera superficiale, hanno visto rovinata la propria esistenza e quella dei propri cari.
Lo Stato deve farsene carico!

0 commenti:

Archivio blog