"Finalmente ho raggiunto il MIO traguardo e risolto il segreto della mia anima: Io sono QUELLO a cui rivolgevo le preghiere, QUELLO a cui chiedevo aiuto. Sono QUELLO che ho cercato. Sono la stessa vetta della MIA montagna. Guardo la creazione come una pagina del MIO stesso libro. Sono infatti l'UNICO che produce i molti, della stessa sostanza che prendo da ME.
Poiché TUTTO è ME, non vi sono due, la creazione è ME STESSO, dappertutto. Quello che concedo a ME stesso, lo prendo da ME stesso e lo do a ME stesso, l'UNICO, poiché sono il Padre ed il Figlio. Quanto a quello che voglio, non vedo altro che i MIEI desideri, che sgorgano da ME.
Sono infatti il conoscitore, il conosciuto, il soggetto, il governante ed il trono. Tre in UNO è quello che sono e l'inferno è solo un argine che ho messo al MIO stesso fiume, allorché sognavo durante un incubo. Sognai che non ero il SOLO unico e così IO stesso iniziai il dubbio, che fece il suo corso, finché non mi svegliai. Trovai così che IO avevo scherzato con ME stesso.
Ora che sono sveglio, riprendo di sicuro il MIO trono e governo il MIO regno che è ME stesso, il signore per l'eternità."

Cavalli da competizione torturati per vincere.

Un allarmante video trasmesso negli scorsi giorni dalla rete televisiva statunitense ABC mostra quale sia stato il barbaro trattamento riservato ad alcuni cavalli da competizione al fine di addestrarli a compiere movimenti particolarmente apprezzati dalla giuria nel corso delle gare ippiche e con lo scopo ultimo di cercare di assicurarsi la vittoria. Una nuova dimostrazione di come, per vincere, sia necessario non solo barare ma anche a ricorrere a torture e sevizie compiute su animali innocenti.

0 commenti:

Archivio blog