"Finalmente ho raggiunto il MIO traguardo e risolto il segreto della mia anima: Io sono QUELLO a cui rivolgevo le preghiere, QUELLO a cui chiedevo aiuto. Sono QUELLO che ho cercato. Sono la stessa vetta della MIA montagna. Guardo la creazione come una pagina del MIO stesso libro. Sono infatti l'UNICO che produce i molti, della stessa sostanza che prendo da ME.
Poiché TUTTO è ME, non vi sono due, la creazione è ME STESSO, dappertutto. Quello che concedo a ME stesso, lo prendo da ME stesso e lo do a ME stesso, l'UNICO, poiché sono il Padre ed il Figlio. Quanto a quello che voglio, non vedo altro che i MIEI desideri, che sgorgano da ME.
Sono infatti il conoscitore, il conosciuto, il soggetto, il governante ed il trono. Tre in UNO è quello che sono e l'inferno è solo un argine che ho messo al MIO stesso fiume, allorché sognavo durante un incubo. Sognai che non ero il SOLO unico e così IO stesso iniziai il dubbio, che fece il suo corso, finché non mi svegliai. Trovai così che IO avevo scherzato con ME stesso.
Ora che sono sveglio, riprendo di sicuro il MIO trono e governo il MIO regno che è ME stesso, il signore per l'eternità."

Kodak riconosce che ha arricchito 1,5 kg d'uranio

Kodak reconnaît avoir enrichi de l’uranium

Da oltre 30 anni, Kodak ha avuto il suo reattore nucleare, e non in un posto qualunque: è stato installato direttamente nel seminterrato della sede di Rochester, nello stato di New York ( USA).

Ma non è tutto, è stato arrichito1,5 kg di uranio, lo stesso che viene utilizzato nelle testate nucleari. Abbiamo quindi il diritto di chiedersi come una cosa del genere è possibile e come sono riusciti a ottenere il permesso di avere tali apparecchiature in un'area densamente popolata. 
Sembra tuttavia che alcuni dipendenti e una manciata di alti funzionari, ne erano a conoscenza, per ragioni di sicurezza nazionale.

1 commenti:

Zak ha detto...

Ma come in quetso sito di dis-informazione scientifica dicono che serviva solo alla ricerca ma non dicono di cosa :(

http://oggiscienza.wordpress.com/2012/05/17/che-ci-fa-un-reattore-nucleare-alla-kodak/

Archivio blog