"Finalmente ho raggiunto il MIO traguardo e risolto il segreto della mia anima: Io sono QUELLO a cui rivolgevo le preghiere, QUELLO a cui chiedevo aiuto. Sono QUELLO che ho cercato. Sono la stessa vetta della MIA montagna. Guardo la creazione come una pagina del MIO stesso libro. Sono infatti l'UNICO che produce i molti, della stessa sostanza che prendo da ME.
Poiché TUTTO è ME, non vi sono due, la creazione è ME STESSO, dappertutto. Quello che concedo a ME stesso, lo prendo da ME stesso e lo do a ME stesso, l'UNICO, poiché sono il Padre ed il Figlio. Quanto a quello che voglio, non vedo altro che i MIEI desideri, che sgorgano da ME.
Sono infatti il conoscitore, il conosciuto, il soggetto, il governante ed il trono. Tre in UNO è quello che sono e l'inferno è solo un argine che ho messo al MIO stesso fiume, allorché sognavo durante un incubo. Sognai che non ero il SOLO unico e così IO stesso iniziai il dubbio, che fece il suo corso, finché non mi svegliai. Trovai così che IO avevo scherzato con ME stesso.
Ora che sono sveglio, riprendo di sicuro il MIO trono e governo il MIO regno che è ME stesso, il signore per l'eternità."

Siria. La sporca guerra della disinformazione.



Danny Abdul Dayem, 22 anni, è un attivista inglese di origine siriana che è arrivato alla ribalta come informatore per la CNN, la BBC, Al Jazeera e Al Arabiya. In diretta dalla città di Homs, ha descritto l'assedio della città nel febbraio del 2012. Impegnato con l'orda di barbuti djihado-salafisti, e' fra quelli che chiedono un intervento armato straniero:
 "anche Israele, non importa".   
In questo video Danny sta tentando di falsificare un video trasmesso dalla CNN. Prima di passare all'antenna con Anderson Cooper, chiese ai suoi colleghi, di sparare dei colpi per drammatizzare il suo reportage dal vivo.
http://blog.alexanderhiggins.com/2012/03/07/caught-complete-cnn-syria-interviews-staged-by-activist-danny-91231/

Danny è ben lungi dall'essere l'unico soldato nella sporca guerra della disinformazione, ecco un altro esempio, sempre a Homs, con Khaled Abu Saleh



Ecco una compilazione (in inglese):
http://blog.alexanderhiggins.com/2012/03/15/wag-dog-media-caught-faking-syria-news-stories-96832/

Da leggere anche:
31 Lug 2012
Una foto della città Aleppo completamente distrutta, con una coppia e il loro bebe' in fuga. Titolo: "I carri armati d'Assad percorrono le strade verso la Madre di tutte le battaglie". Ma la verita' e' che questa foto è un fotomontaggio.
21 Lug 2012
Falsi reportage sugli eventi in Siria sono realizzati da una società del Qatar, specializzata nella produzione di scenografie cinematografiche, ha detto giovedi l'agenzia siriana SANA, precisando che questa azienda si trova
03 Ago 2012
Il conflitto in corso in Siria ha senza alcun dubbio confermato il perfetto scenario orwelliano della presunta "guerra al terrore" nata dall'11 settembre, portata avanti dagli Stati Uniti, Regno Unito, e i loro alleati della NATO.

0 commenti:

Archivio blog