Pubblico questo post tratto da Prisonplanet, per dimostrare che quello che ci stanno facendo con le scie chimiche non è assolutamente una novità…
Il programma dell’elite per il controllo della popolazione mondiale non è una “teoria della cospirazione”, è reale e documentato.

Paul Joseph Watson  Prison Planet.com
2009 Venerdì 26 giugno, 2009

C’è ancora un gran numero di persone tra la gente, nel mondo accademico, e soprattutto tra quelli che lavorano per i media aziendali, che nega ancora il programma dichiarato per la riduzione della popolazione mondiale, così come le conseguenze di questo programma, che vediamo già in atto.
Abbiamo redatto un compendio di elementi di prova per dimostrare che l’elite è stata ossessionata dall’eugenetica e la sua incarnazione moderna, il controllo della popolazione, per oltre 100 anni, e che l’obiettivo della riduzione della popolazione mondiale è in vigore ancora.

L’elite mondiale sta discutendo della riduzione della popolazione
Come è stato riportato solo il mese scorso dal London Times, una riunione di un “segreto club miliardario” tenutasi ai primi di Maggio a New York e che ha visto la partecipazione di David Rockefeller, Ted Turner, Bill Gates e altri, si è focalizzata su “come la loro ricchezza possa essere utilizzata per rallentare la crescita della popolazione mondiale “.
Abbiamo interrogato l’establishment dei media, che ha parlato dei partecipanti come di persone buone e filantropi preoccupati, sottolineando che Ted Turner ha pubblicamente sostenuto scioccanti programmi di riduzione della popolazione che abbatterebbero la popolazione umana di un incredibile 95%. Egli ha anche chiesto che una politica del figlio unico di stampo comunista sia imposta dai governi in occidente. In Cina, la politica del figlio unico è attuata per mezzo di tasse su ogni figlio successivo al primo, unite ad un programma di intimidazione che comprende la polizia segreta e la autorità di “pianificazione familiare” che sequestrano le donne in stato di gravidanza ed eseguono aborti forzati.
Naturalmente, Turner non riesce completamente a seguire le proprie regole su come tutti gli altri devono vivere la loro vita, avendo cinque figli e possedendo non meno di 2 milioni di acri di terreno.
Nel terzo mondo, Turner ha contribuito letteralmente con miliardi alla riduzione della popolazione, in particolare attraverso programmi delle Nazioni Unite, aprendo la strada ad artisti del calibro di Bill & Melinda Gates e Warren Buffet (il padre di Gates è stato a lungo un membro importante del consiglio di amministrazione di Planned Parenthood e un eugenista di alto livello).
L’idea che questi elitari desiderino semplicemente rallentare la crescita della popolazione, al fine di migliorare la salute, è totalmente inadeguata.
Rallentare la crescita della popolazione mondiale migliorando nel contempo la sua salute sono due concetti inconciliabili per l’élite. La stabilizzazione della popolazione mondiale è un sottoprodotto naturale di un tenore di vita più elevato, come è stato dimostrato dalla stabilizzazione della popolazione bianca nell’ovest. Elitari come David Rockefeller hanno alcun interesse a “rallentare la crescita della popolazione mondiale”, con metodi naturali, il loro programma è saldamente radicato nella pseudo-scienza dell’eugenetica, che mira alla “riforma” della popolazione in eccesso con metodi draconiani.
L’eredità di David Rockefeller non è derivata da un bisogno “filantropico” ben intenzionato di migliorare la salute nei paesi del terzo mondo, è nata da una spinta malthusiana ad eliminare i poveri e quelli considerati razzialmente inferiori, utilizzando la giustificazione del darwinismo sociale.
Come è documentato nel film seminale di Alex Jones Endgame, il padre di Rockefeller, John D. Rockefeller, esportò l’eugenetica in Germania dalle sue origini in Gran Bretagna, finanziando il Kaiser Wilhelm Institute che, più tardi, avrebbe formato un pilastro centrale nell’ideologia della super razza ariana del Terzo Reich. Dopo la caduta del nazismo, i massimi eugenisti tedeschi sono stati protetti dagli alleati quando le parti vittoriose si accapigliarono su chi avrebbe beneficiato della loro “competenza” nel mondo post-guerra.
Come scrive il Dott. Len Horowitz:

«Nel 1950, i Rockefeller riorganizzarono il movimento eugenetico americano nei loro uffici di famiglia, con il sottoprodotto del controllo della popolazione e dei gruppi a favore dell’aborto. La Società Eugenetica cambiò il suo nome in Società per lo Studio della Biologia Sociale, il suo nome attuale.
La Fondazione Rockefeller aveva a lungo finanziato il movimento eugenetico in Inghilterra, a quanto pare ripagando la Gran Bretagna per il fatto che la capitale britannica e un partner inglese avevano aiutato il vecchio John D. Rockefeller nel suo Oil Trust. Negli anni ’60, la Società Eugenetica d’Inghilterra ha adottato quello che chiama Cripto-eugenetica, affermando nelle sue relazioni ufficiali che avrebbe fatto eugenetica con mezzi e strumenti non etichettati come eugenetici.
Con il sostegno dei Rockefeller, la Società Eugenetica (Inghilterra) ha istituito un sub-comitato denominato “International Planned Parenthood Federation” che per 12 anni non ebbe un indirizzo diverso da quello della Società Eugenetica. Questo, dunque, è l’apparato privato, internazionale che ha preparato il mondo ad un olocausto globale, sotto la bandiera delle Nazioni Unite.
Nella seconda metà del 20° secolo, l’eugenetica semplicemente cambiò il suo volto per essere conosciuta come “controllo della popolazione”. 
Questo è stato cristallizzato nel National Security Study Memorandum 200, un documento di strategia geopolitica del 1974 preparato dall’amico intimo e compagno nel Bilderberg di Rockefeller Henry Kissinger, che pose l’obiettivo di tredici paesi per la riduzione della massa della popolazione per mezzo della creazione di scarsità di cibo, sterilizzazione e guerra.
Henry Kissinger: Nel documento ora reso pubblico del 1974, il National Security Memorandum 200, Kissinger delinea il piano per utilizzare la scarsità di cibo come arma per ottenere la riduzione della popolazione nei paesi meno sviluppati.
Il documento, reso pubblico nel 1989, ha individuato 13 paesi che sono stati di particolare interesse per gli obiettivi geopolitici degli Stati Uniti, e ha delineato perché la crescita della popolazione, e in particolare quella dei giovani – che sono stati visti come una minaccia rivoluzionaria per le imprese statunitensi – era un potenziale ostacolo al conseguimento di tali obiettivi. I paesi citati sono stati: India, Bangladesh, Pakistan, Nigeria, Messico, Indonesia, Brasile, Filippine, Tailandia, Egitto, Turchia, Etiopia e Colombia.
Lo studio ha sottolineato come i disordini civili che interessano il “flusso dei materiali necessari” avrebbero meno probabilità di verificarsi “in condizioni di crescita lenta o zero della popolazione”.
“Lo sviluppo di un impegno mondiale politico e popolare per la stabilizzazione della popolazione è fondamentale per qualsiasi strategia efficace. Ciò richiede il sostegno e l’impegno dei principali leader dei paesi meno sviluppati. Ciò avverrà solo se vedranno chiaramente l’impatto negativo di una crescita non ristretta della popolazione, e credo che sia possibile affrontare tale questione attraverso l’azione governativa”, afferma il documento.
Il documento chiedeva l’integrazione della “pianificazione familiare” (altrimenti nota come aborto) con i servizi sanitari di routine per le finalità di “arginare il numero di persone dei paesi LDC” (paesi meno sviluppati).
La relazione delinea scandalosamente come la negazione del cibo potrebbe essere utilizzata come un mezzo di punizione per i paesi meno sviluppati che non agiscono per ridurre la loro popolazione; in sostanza, utilizzando il cibo come arma per un programma politico con la creazione di fame di massa nei paesi sotto-sviluppati.
“L’assegnazione delle scarse risorse PL480 (alimentari) dovrebbe tener conto dei passi che un paese fa per il controllo della popolazione e per la produzione alimentare”, afferma il documento.
Più avanti nel documento è presentata l’idea di imporre “programmi obbligatori” utilizzando il cibo come “strumento di potere nazionale”.
Il documento afferma che il programma sarà gestito attraverso il Fondo delle Nazioni Unite per la Popolazione (UNFPA), “evitando così il pericolo che alcuni leader dei paesi meno sviluppati riscontrino le pressioni dei paesi sviluppati per la pianificazione familiare come una forma di imperialismo economico o razziale, il che potrebbe assolutamente creare una reazione seria”.
Come scrive Jean Guilfoyle, “Il NSSM 200 fu una dichiarazione composta  dopo il fatto. Durante la fine degli anni ’60 e primi anni 70, gli USA avevano lavorato diligentemente dietro le quinte per far avanzare il programma di controllo della popolazione presso le Nazioni Unite, contribuendo al finanziamento iniziale di $ 1 milione.
Un telegramma del Dipartimento di Stato datato Luglio 1969, riportava il sostegno di John D. Rockefeller III, tra gli altri, per la nomina di Rafael Salas delle Filippine come alto funzionario per coordinare e gestire il programma di popolazione delle Nazioni Unite. L’amministratore del Programma di Sviluppo delle Nazioni Unite ha confidenzialmente riferito di preferire qualcuno come Salas che aveva il “vantaggio del colore, della religione (cattolica) e della convinzione.”
Un profilo completo di ciò che è contenuto nel documento National Security Memorandum può essere letto in http://www.theinterim.com/july98/20nssm.html
La prova delle conseguenze reali di questo programma può essere trovata con il legame tra vaccini e sterilizzazione, nonché altre malattie come il cancro, sia in Occidente e nel terzo mondo.
Nel seguente video, dopo una introduzione di Alex Jones, donne della tribù Akha, che vivono prevalentemente in Thailandia, descrivono come bebbero un aborto spontaneo subito dopo aver assunto i vaccini quando erano incinte di otto mesi. Il video qui sotto sottolinea gli sforzi dei sostenitori della tribù Akha tesi ad ottenere delle risposte dalla University of Oregon e dalle Nazioni Unite, che hanno fornito i finanziamenti per i programmi di vaccinazione e sterilizzazione.
Ulteriori prove del legame tra vaccinazioni, controllo delle nascite, il cancro e altre malattie possono essere cercate qui.
Nel 21 ° secolo, il movimento eugenetico ha cambiato le sue sembianze ancora una volta, manifestandosi attraverso il programma globale carbon tax e l’idea che avere troppi figli, o godersi un livello ragionevolmente elevato di vita, stia distruggendo il pianeta attraverso il riscaldamento globale, creando il pretesto per una nuova regolamentazione e per il controllo su ogni aspetto della nostra vita.
Come abbiamo instancabilmente documentato, l’impulso dell’elite per il controllo della popolazione non si basa su una spinta filantropica benigna a migliorare gli standard di vita; esso è ben indirizzato nell’eugenetica, nell’igiene razziale e nel pensiero fascista.
Il Times di Londra riporta che la cabala miliardaria segreta, con il suo interesse per la riduzione della popolazione, è stata soprannominata ‘The Good Club’ dagli addetti ai lavori. Questo non potrebbe essere più lontano dalla verità. Chi si prende il tempo per studiare correttamente le origini del movimento di “controllo della popolazione”  arriverà a capire che il programma Rockefeller-Turner-Gates per la drastica riduzione della popolazione, che ora si manifesta chiaramente attraverso autentiche crisi ambientali come le scie chimiche, gli alimenti geneticamente modificati, i vaccini contaminati e di altre malattie dalla diffusione aumentata alle stelle, come il cancro, ha le sue origini nel programma secolare, elitario e malevolo, di abbattere il “bene mobile” umano, come si potrebbe fare con i roditori o con altre specie, considerate un fastidio da parte delle autorità di pianificazione centrale.

La sterilizzazione e l’eugenetica ritornano nella cultura popolare
Stiamo ora assistendo al ritorno del movimento eugenista del secolo scorso attraverso la promozione popolare della sterilizzazione come metodo di controllo delle nascite.
Una famosa rivista inglese ha recentemente pubblicato un articolo dal titolo Young, Single and Sterilized (Giovane, Single e Sterilizzata) in cui delle ventenni parlano del motivo per cui si sono sottoposte ad un intervento che impedisce loro di avere dei figli.L’articolo è poco più di un’opera di pubbliche relazioni per una “organizzazione di carità femminile” chiamata Marie Stopes International, un’organizzazione che effettua aborti e sterilizzazioni, ed è stata fondata da un eugenista nazista che ha sostenuto la sterilizzazione obbligatoria dei non-bianchi e di “quelli con un cattivo carattere”.
Nell’articolo, la sterilizzazione è lodata come un “eccellente metodo di controllo delle nascite” dalla Dr. Patricia Lohr del British Pregnancy Advisory Service.
L’articolo include una pubblicità che incoraggia le donne a cercare “ulteriori informazioni sulla sterilizzazione” contattando Marie Stopes International. Leggiamo che “Negli ultimi dodici mesi, un quarto delle donne che hanno prenotato una consultazione sterilizzazione con la l’organizzazione di carità femminile Marie Stopes aveva 30 anni o meno”.
Marie Stopes fu una femminista che aprì la prima clinica per il controllo delle nascite in Gran Bretagna nel 1921, oltre ad essere una simpatizzante nazista e una eugenista che sosteneva la sterilizzazione dei non-bianchi e dei poveri.
Stopes, a racist and an anti-Semite, campaigned for selective breeding to achieve racial purity, a passion she shared with Adolf Hitler in adoring letters and po ems that she sent the leader of the Third Reich.
La Stopes, una razzista e antisemita, attuò una campagna per l’allevamento selettivo, per raggiungere la purezza della razza, una passione che condivideva con Adolf Hitler in lettere adoranti e poemi che ellaspedì al capo del Terzo Reich.
La Stopes partecipò anche al congresso nazista sulla scienza della popolazione, svoltosi a Berlino nel 1935, mentre invocava della “sterilizzazione obbligatoria dei malati, degli alcoolizzati, o semplicemente della gente di brutto carattere”. La Stopes agì in base alle sue spaventose teorie, concentrando le sue cliniche abortiste nelle zone povere al fine di ridurre il tasso di natalità delle classi inferiori.
La Stopes lasciò la maggior parte del suo patrimonio alla Società Eugenetica, un’organizzazione che condivise la sua passione per la purezza della razza e che esiste ancora oggi sotto il nuovo nome di The Galton Institute. La società ebbe i membri del calibro di Charles Galton Darwin (nipote dell’evoluzionista), Julian Huxley e Margaret Sanger.

Marie Stopes, la nazista e eugenista pionieristica che inviò lettere d’amore a Hitler, è stata onorata di recente dalla Royal Mail.
Minacciosamente, il sito internet del Galton Institute promuove la sua iniziativa di sostegno e finanziamento “all’erogazione concreta di servizi di pianificazione familiare, soprattutto nei paesi in via di sviluppo”. In altre parole, la stessa organizzazione che, una volta, sosteneva la sterilizzazione dei neri per raggiungere la purezza della razza esattamente come, nello stesso modo, ora i nazisti finanziano aborti di bambini neri nel terzo mondo.
Mentre la questione dell’aborto è un argomento completamente diverso, la maggior parte delle persone sarebbero d’accordo che non importa quanto possa sembrare estremo, una donna ha il diritto di sterilizzarsi se lo desidera, proprio come un uomo ha il diritto ad una vasectomia.
Ma quando una rivista che si rivolge principalmente alle giovani donne incoraggia giovani ventenni a farsi legare le tube di Falloppio per evitare l’”irritazione” dei bambini che entrano nelle loro vite e poi pubblicizza una organizzazione fondata da una eugenista nazista che può eseguire l’intervento, dev’esserci qualcosa che non va.
Ancora più scioccante è il fatto che la maggioranza delle persone nel Regno Unito di routine esprime il proprio sostegno alla sterilizzazione forzata, attuata dallo Stato, degli “indesiderabili” della società, rifacendosi ad un momento in cui questo era un luogo comune fino agli anni ’70 in alcune zone dell’America e dell’Europa.
Come abbiamo evidenziato al momento, coloro che hanno risposto ad un articolo Daily Mail sulla Royal Mail che onorare Marie Stopes utilizzando la sua immagine su un francobollo commemorativo, non erano disgustati all’idea che il Royal Mail rendesse omaggio ad una eugenista nazista razzista, ma desideravano semplicemente esprimere il loro pieno accordo sul fatto che coloro che non erano ritenuti di stock genetico puro o di carattere approvato dovevano essere sterilizzati con la forza, e doveva loro essere impedito di avere figli.
“Un sacco di gente dovrebbe essere sterilizzata secondo me. Questo è vero ancora oggi”, ha scritto una persona.
“Provate a immaginare che società stabile e ben ordinata avremmo se la sterilizzazione obbligatoria fosse stata adottata anni fa per le persone socialmente indesiderabili”, afferma un altro partecipante, che chiede un “raggio di sterilizzazione satellitare” da installare nello spazio a per fulminare gli indesiderabili.
Incredibilmente, un altro mette a confronto la sterilizzazione e il genocidio dei presunti inferiori con la riproduzione e l’abbattimento degli animali da cortile, e dice che una tale mossa è necessaria per combattere la sovrappopolazione e il riscaldamento globale. Ecco il commento per intero di “Karen” in Galles;
Alleviamo gli animali da fattoria per produrre la migliore razza possibile, e li uccidiamo quando hanno raggiunto il loro scopo. Noi incrociamo gli animali di razza per produrre estremi che li lasciano suscettibili a malattie e morte precoce. È solo la religione che dice che gli esseri umani non sono animali. La realtà è che siamo semplicemente intelligente, mammiferi primati.
La popolazione mondiale di esseri umani è aumentata da 2.000 a 6.500 milioni negli ultimi 50 anni. Questo pianeta può supportare comodamente 2 miliardi di umani. 6,5 miliardi gli uomini usano troppe risorse e portano al riscaldamento globale, a cambiamenti climatici e ad un futuro molto incerto per tutti noi – uomini e tutte le altre forme di vita che condividono questo pianeta con noi.
Marie Stopes credeva nel controllo della popolazione e nell’allevamento dei migliori esseri umani possibili. Come Hitler. Gli obiettivi non sono cattivi in sé. Il problema è il modo in cui sono raggiunti. Il fatto che noi ancora ricordiamo Marie Stopes è un risultato in sé.
La natura di questi commenti è così profondamente malata e contorta che si è tentati di respingerli considerandoli uno scherzo – ma queste persone sono terribilmente serie. Presumibilmente sarebbero anche d’accordo con la politica cinese del figlio unico, che viene normalmente applicata attraverso l’intimidazione quando giovani donne incinte sono prese dalla strada da sicari di stato e portate in ospedale dove sono effettuati gli aborti forzati.
Ora, con le riviste femminili popolari che consigliano alle ventenni il posto in cui andare per essere sterilizzate e garantirsi una vita di feste e sesso spensierato, non c’è da sorprendersi che gli esperti prevedono che entro il 2010, una donna occidentale su quattro non avrà figli per tutta la vita.
Il desiderio di avere figli è l’emozione più bella, naturale e innata che un uomo o una donna puossano vivere. Questo non vuol dire che è sempre sbagliato per alcune persone non avere figli – circostanze estreme possono giustificare una tale decisione. Ma farti sterilizzare perché giudichi i bambini “irritanti” e vuoi vivere una vita priva di responsabilità o di conseguenze è un messaggio terribile da inviare a giovani donne, soprattutto nella cultura dell’intrattenimento satura di sesso che ora siamo costretti a sopportare.
Inoltre, la promozione diretta di Marie Stopes International come ‘il posto dove andare’ per farti sterilizzare se hai meno di 30 anni rivolta lo stomaco considerando il fatto che le origini di questa organizzazione possono essere trovate nell’ideologia nazista, razzista e nell’arretrata, vecchia eugenetica del 20° secolo e in un programma, che dura da molto tempo, inteso ad abbattere la popolazione degli indesiderabili, una convinzione aberrante ancora oggi propria delle elite in tutto il pianeta.

Programmi genocidi di riduzione della popolazione abbracciati dall’Università
Un individuo che abbraccia l’idea che gli esseri umani siano un virus che dovrebbe essere spazzato via in massa per il bene della madre terra è il Dr. Eric R. Pianka, un biologo americano con sede presso l’University of Texas di Austin.

Il Dr. Erik Pianka, il biologo americano che ha sostenuto il genocidio di massa del 90% della razza umana ed è stato applaudito dai suoi colleghi.
Durante un discorso all’Accademia delle Scienze del Texas nel Marzo 2006, Pianka sostenne la necessità di sterminare il 90% della popolazione mondiale con il virus Ebola in sospensione nell’aria. La reazione di decine di scienziati e professori presenti non fu di shock o di repulsione – essi si alzarono in piedi e applaudirono la richiesta di genocidio di massa fatta da Pianka.
Si ordinò di tenere il discorso di Pianka lontano dalla stampa prima che cominciasse, ad esempio le fotocamere sono state allontanate e centinaia di studenti, scienziati e professori si sono seduti nell’uditorio.
Dicendo che il pubblico non era pronto ad ascoltare le informazioni presentate, Pianka esordì dicendo: «Non siamo meglio dei batteri!”, mentre si gettava in un delirio malthusiano da giorno del giudizio sulla sovrappopolazione che distrugge la terra.
In piedi di fronte a una diapositiva di teschi umani, Pianka sostenne allegramente l’ebola veicolato dall’aria come il suo metodo preferito di sterminare il necessario 90% degli esseri umani, preferendolo all’AIDS perché uccide in un periodo più breve. Le vittime di Ebola soffrono la morte più atroce che si possa immaginare, in quanto il virus uccide liquefacendo gli organi interni. Il corpo, letteralmente, si scioglie mentre la vittima si contorce dal dolore sanguinando da ogni orifizio.
 
Malato di Ebola (Terapia Intensiva)
Pianka citò poi la Frode del Peak Oil come motivo per iniziare il genocidio globale. “E i combustibili fossili si stanno esaurendo”, ha detto, “quindi penso che potrebbe essere necessario ridurrli a due miliardi, che sarebbero circa un terzo, già molte persone”.
Più tardi, lo scienziato ha accolto con favore la devastazione potenziale del virus dell’influenza aviaria e ha parlato entusiasticamente di rafforzare la politica cinese del figlio unico, prima di commentare con zelo: “Abbiamo bisogno di sterilizzare tutti sulla Terra.”
Alla fine del discorso di Pianka, il pubblico è scoppiato non in un coro di fischi e sibili, ma in una rauca accoglienza di applausi e acclamazioni, quando membri del pubblico si sono arrampicati per avvicinarsi allo scienziato per chiedergli di rispondere ad ulteriori domande. A Pianka fu poi consegnato un distinto premio scientifico da parte dell’Accademia. Pianka non è pazzo. Ha tenuto lezioni in prestigiose università di tutto il mondo.
Infatti, l’idea che la popolazione della Terra abbia bisogno di essere drasticamente ridotta è una convinzione condivisa quasi all’unanimità dai docenti in tutto l’emisfero occidentale.

Nel 2002, il Melbourne Age riferì di documenti appena scoperti che dettagliavano il piano del microbiologo vincitore del Premio Nobel per la Pace di aiutare il governo australiano a sviluppare armi biologiche da utilizzare contro l’Indonesia e altri paesi “sovrappopolati” del Sud-est asiatico.
Dall’articolo:
Sir Macfarlane raccomandò, in un rapporto segreto del 1947, che si sviluppassero armi biologiche e chimiche che avessero per obiettivo le colture alimentari e la diffusione di malattie infettive. Il suo ruolo consultivo per la guerra biologica è stato scoperto dallo storico di Canberra Philip Dorling negli Archivi Nazionali nel 1998.
“In particolare per la situazione australiana, la più efficace controffensiva alla minacciata invasione da parte dei paesi asiatici sovrappopolati sarebbe diretta alla distruzione con mezzi chimici o biologici delle colture alimentari tropicali, e alla diffusione di malattie infettive in grado di diffondere in condizioni tropicali, ma non australiane”, ha detto Sir Macfarlane.
L’immunologo vittoriano, che ha guidato il Walter and Eliza Hall Institute of Medical Research, ha vinto il premio Nobel per la medicina nel 1960. Morì nel 1985, ma le sue teorie in materia di immunità e di “selezione clonale” fornirono la base per la moderna biotecnologia e per l’ingegneria genetica.
La polemica che circonda i commenti di un altro beniamino del mondo accademico scientifico, il genetista James Watson, che ha detto ad un intervistatore del quotidiano Sunday Times che i neri sono intrinsecamente meno intelligenti dei bianchi, non dovrebbe costituire affatto una sorpresa per coloro che sono consapevoli del ruolo di Watson nella promozione della tetra pseudoscienza dell’eugenetica.
Watson disse detto all’intervistatore che era “intrinsecamente pessimista sulle prospettive dell’Africa”, perché “tutte le nostre politiche sociali si basano sul fatto che la loro intelligenza sia uguale alla nostra – mentre tutti i test, in realtà, non dicono questo.
Watson è stato il capo dell’Human Genome Project fino al 1992, ed è meglio conosciuto per il suo contributo alla scoperta del DNA, un risultato che gli valse il premio Nobel per la Pace nel 1962.
Ma ciò di cui la maggior parte delle persone non è consapevole è che è Watson ha svolto per decenni un ruolo fondamentale nella promozione della legittimità del movimento eugenetico/riduzione della popolazione.
Watson è un forte sostenitore dello screening genetico, un test per determinare se una coppia rischia di avere un bambino con una malattia genetica ereditaria.
Dal momento che tali programmi di screening, ovviamente, aumentano il tasso di aborti di bambini considerati “imperfetti”, molti hanno denunciato la sua introduzione come una pura e semplice copertura per l’eugenetica o “eugenetica volontaria”, come la etichetta il professore di filosofia britannico Philip Kitcher.
La difesa di Watson dell’ingegneria genetica si estese alla sua richiesta che il fondo “davvero stupido” del 10% delle persone fosse “curato”.
Watson ha addirittua esortato la donna a dare carta bianca per abortire se il test dovesse stabilire che probabilmente il bambino sarà omosessuale, nonostante il vasto quantitativo di prove che indicano che l’omosessualità è il risultato dell’ambiente piuttosto che del codice genetico.
Il genetista ha addirittura promosso l’idea di creare una sorta di super-razza nazista, dove il bello e il fisicamente forte sono geneticamente fabbricati in condizioni di laboratorio.
“La gente dice che sarebbe terribile se facessimo tutte le ragazze belle. Io penso che sarebbe fantastico”, ha detto Watson.
L’ammonimento apocalittico della bomba demografica del dottor Erik Pianka, per il quale non ha presentato alcuna prova, è completa pseudo-scienza. Le popolazioni dei paesi sviluppati sono in calo, e solo in paesi del terzo mondo si stanno espandendo drammaticamente. L’industrializzazione stessa livella le tendenze della popolazione e, a parte questo, i modelli di popolazione mondiale mostrano comunemente che la popolazione della terra raggiungerà il livello di 9 miliardi nel 2050 e lentamente, poi, declinerà. “La popolazione dei paesi più sviluppati rimarrà pressoché invariata a 1,2 miliardi fino al 2050″, afferma un rapporto delle Nazioni Unite. Uno studio di Conservation International ha rivelato che il 46% della superficie terrestre era una natura incontaminata, cioè aree territoriali non che non comprendono il mare.
Pensate alla grandezza delle dichiarazioni di Pianka. Vuole uccidere nove su dieci membri della vostra famiglia, e vuole ucciderli in uno dei modi più dolorosi e strazianti che si possano immaginare.
Se Pianka, o ‘L’uomo-lucertola’ come ama essere chiamato, è così veemente nell’abbracciare la necessità di abbattimento della popolazione umana, si farà avanti per essere il primo? Riuscirà a sacrificare i suoi figli per il cosiddetto bene più grande del pianeta? Noi in qualche modo ne dubitiamo.
Saranno gli studenti e altri docenti universitari di alto livello, che hanno salutato con entusiasmo le sue idee, a tornare a casa e uccidersi per la causa, se è così giusta?
Si è stato notato come Pianka ha presentato la sua tesi con il tipo di gioia che si vedrebbe in un serial killer demente prima di cacciare la sua vittima. Questo è un atteggiamento che abbiamo incontrato diverse volte. Discutere l’uccisione del 90% della popolazione mondiale, attraverso una terribile peste, è abbastanza malato in sé, ma ci si aspetta almeno che i suoi sostenitori siano seri e sobri nel loro approccio al tema. In realtà sembra il contrario, in cui si parla dell’argomento in un contesto di allegri schiocchi di labbra e strette di mano, come se l’individuo fosse in procinto di affondare i denti in una bistecca con l’osso.
Questa finestra ci dà una visione chiara del motivo esatto per cui questi bastardi squilibrati abbracciano questa ideologia. Essi amano la morte, e le loro vite sono motivate ​​da influenze cupe, sono molto diversi da voi o me.
Nel corso della storia, le élite hanno inventato giustificazioni per pratiche barbare come copertura per il loro vero programma di potere assoluto e di controllo sulle popolazioni.

Altri esempi di riduzione della popolazione e Eugenetica
Dal 1932 fino al 1972, il Tuskegee Study Group (nella foto sotto) infettò deliberatamente comunità nere povere in Alabama con la sifilide senza il loro consenso, e negò la cura mentre i malati imperversavano per la città uccidendo famiglie.

Nel 1951 il governo israeliano usò la tecnologia fornita dal governo USA per irradiare 100.000 bambini ebrei in un esperimento atomico di massa con un’intera generazione di giovani sefarditi usati come cavie. 6.000 sono morti subito dopo gli esperimenti, e il resto ha sofferto per il resto della vita di malattie debilitanti e cancro.
Come abbiamo documentato, i membri della élite sono abbastanza palesi nella loro brama febbrile di commettere omicidi di massa e pulizia etnica. Nella prefazione alla sua biografia “Se fossi un animale”, il principe Filippo, un altro armadio nazista, scrisse: “Nel caso in cui mi reincarnassi, vorrei ritornare come un virus mortale, al fine di contribuire in qualche modo a risolvere la sovrappopolazione”.
Questa è solo uno dei tanti resoconti in cui il principe Filippo ha sostenuto la sua volontà di “abbattere” il surplus di popolazione umana. In un altro discorso, ha anche criticato aspramente il fatto che in Sri Lanka siano state salvate delle vite con cure per la malaria perché significava che c’erano il triplo delle bocche da sfamare.
Una delle ammissioni più agghiacciante degli intenti mortali degli elitisti di commettere genocidio forzato per ridurre la popolazione mondiale è venuta dalle labbra del compianto Jacques Cousteau, l’icona ambientalista trasformata in santo. In un’intervista con il Corriere UNESCO del Novembre 1991, il famoso oceanografo ha detto:
“Il danno che la gente causa al pianeta è una funzione di dati demografici – è pari al grado di sviluppo. Uno americano obera la terra fosse molto più di venti bengalesi. Il danno è direttamente legato al consumo. La nostra società si sta trasformando verso un consumo sempre maggiore e inutile. È un circolo vizioso che paragono al cancro … “.
“Questa è una cosa terribile da dire. Per stabilizzare la popolazione mondiale dobbiamo eliminare 350 mila persone al giorno. È una cosa orribile da dire, ma è altrettanto male non dirlo”.
È importante sottolineare che questo saggio graffia soltanto la superficie di entrambi gli obiettivi prefissati di riduzione della popolazione globale degli elitari e degli addetti ai lavori, insieme ad esempi concreti di questi programmi in corso. Non potremmo elencarli tutti in un unico articolo, perché ci vorrebbe un libro lungo come un’enciclopedia.
Ulteriori informazioni sono fornite in Endgame di Alex Jones, un segmento pertinente del quale può essere visto qui di seguito.
Fonte:
http://scieneicieli.wordpress.com/tag/erik-pianka/