"Finalmente ho raggiunto il MIO traguardo e risolto il segreto della mia anima: Io sono QUELLO a cui rivolgevo le preghiere, QUELLO a cui chiedevo aiuto. Sono QUELLO che ho cercato. Sono la stessa vetta della MIA montagna. Guardo la creazione come una pagina del MIO stesso libro. Sono infatti l'UNICO che produce i molti, della stessa sostanza che prendo da ME.
Poiché TUTTO è ME, non vi sono due, la creazione è ME STESSO, dappertutto. Quello che concedo a ME stesso, lo prendo da ME stesso e lo do a ME stesso, l'UNICO, poiché sono il Padre ed il Figlio. Quanto a quello che voglio, non vedo altro che i MIEI desideri, che sgorgano da ME.
Sono infatti il conoscitore, il conosciuto, il soggetto, il governante ed il trono. Tre in UNO è quello che sono e l'inferno è solo un argine che ho messo al MIO stesso fiume, allorché sognavo durante un incubo. Sognai che non ero il SOLO unico e così IO stesso iniziai il dubbio, che fece il suo corso, finché non mi svegliai. Trovai così che IO avevo scherzato con ME stesso.
Ora che sono sveglio, riprendo di sicuro il MIO trono e governo il MIO regno che è ME stesso, il signore per l'eternità."

“La rete del controllo globale corporativo”. Siamo controllati da un solo potere massivo.

 ... le “Teorie del complotto” paiono sempre più vicine alla realtà, forse sono già “la realtà”, e oggi ne abbiamo conferma anche basandoci su dati reali.
 ... nell’autunno del 2011, alcuni scienziati svizzeri (che per luogo comune si pretendono quantomeno precisi) ha presentato uno studio a dir poco allucinante soprattutto nelle sue conclusioni finali. Tale studio rivelava come soltanto un piccolo numero di banche abbia il pieno controllo di una porzione esagerata dell’economia globale.
Questo studio, battezzato “La rete del controllo globale corporativo” (un titolo che è già tutto un programma) è stato sviluppato come detto in Svizzera, più precisamente a Zurigo,da Stefania Vitali, James B. Glattfelder e Stefano Battiston e consiste nell’autopsia del database con i dati di marketing della Orbis nel 2007. Da questo “cervellone” sono stati prelevati files da tutto il mondo che comprendevano più di 30 milioni di operatori economici, tra imprese e investitori, incluse le relative posizioni patrimoniali.
Lo studio non era quindi “robetta” ed è stato pubblicato addirittura sulla rivista New Scientist, forse la più accreditata negli ambiti della cosiddetta scienza “mainstream”.
 
 ... il sistema bancario è Uno, un unico cartello enorme, che possiede tutto, partendo dai principali settori industriali tra cui ad esempio quello bellico (1780 miliardi di fatturato!!!). Le Compagnie petrolifere e l’industria del petrolio in genere (un esempio tanto per avere un’idea delle proporzioni del denaro che vi circola, colossi come “ExxonMobil Corporation” o “Shell Group”, tanto per dirne qualcuno, possono contare su un giro d’affari e un fatturato che, nel 2008, sono arrivati a sfiorare i 310 miliardi di Euro; la “Microsoft Corporation”, il cui fondatore, Bill Gates, risulta essere uno degli uomini più ricchi del mondo, nello stesso anno, ha chiuso con un fatturato di “appena” 38 miliardi di euro), le industrie farmaceutiche (Il mercato mondiale dei medicinali è stimato a 466 miliardi di dollari), quella alimentare (solo in Italia il fatturato dell’industria alimentare è attestato su 127 miliardi di euro. Nestlé da sola fattura 36,65 miliardi!!), delle telecomunicazioni (e qui più ne ha più ne metta, solo AT&T fattura 20 miliardi, Vodafone 13,8 miliardi di euro, più tutte le altre), Tutte queste aziende e tutti questi soldi sono controllati quindi da un solo potere massivo che applica il suo dominio dall’alto verso il basso.
Il “Potere Monetario” è quindi reale, non una leggenda e bisognerebbe fare un monumento a questi ricercatori che facendo una precisa autopsia del sistema ci hanno dato i reali numeri del “problema”.
Articolo di Stefano Davidson per Stampa Libera da leggere tutto:

OLTRE MARIO MONTI, GIORGIO NAPOLITANO E MARIO DRAGHI, O MEGLIO, OLTRE IL PIANETA DELLE MARIONETTE COSA C’E'?


0 commenti:

Archivio blog