"Finalmente ho raggiunto il MIO traguardo e risolto il segreto della mia anima: Io sono QUELLO a cui rivolgevo le preghiere, QUELLO a cui chiedevo aiuto. Sono QUELLO che ho cercato. Sono la stessa vetta della MIA montagna. Guardo la creazione come una pagina del MIO stesso libro. Sono infatti l'UNICO che produce i molti, della stessa sostanza che prendo da ME.
Poiché TUTTO è ME, non vi sono due, la creazione è ME STESSO, dappertutto. Quello che concedo a ME stesso, lo prendo da ME stesso e lo do a ME stesso, l'UNICO, poiché sono il Padre ed il Figlio. Quanto a quello che voglio, non vedo altro che i MIEI desideri, che sgorgano da ME.
Sono infatti il conoscitore, il conosciuto, il soggetto, il governante ed il trono. Tre in UNO è quello che sono e l'inferno è solo un argine che ho messo al MIO stesso fiume, allorché sognavo durante un incubo. Sognai che non ero il SOLO unico e così IO stesso iniziai il dubbio, che fece il suo corso, finché non mi svegliai. Trovai così che IO avevo scherzato con ME stesso.
Ora che sono sveglio, riprendo di sicuro il MIO trono e governo il MIO regno che è ME stesso, il signore per l'eternità."

Vittorio! Nemmeno una parola per te da Saviano!


Ma cosa ci si aspettava da questo " bellimbusto" a libro paga di De Benedetti. E' la solita storia: pronti a " sparare " contro  la casta, i partiti, i politici, ma silenzio assoluto,e quasi un senso di fastidio, quando gli si chiede qualcosa su chi difendeva i giusti diritti dei palestinesi contro Israele.
Ma abbiamo la certezza di sapere che il sangue innocente di Vittorio Arrigoni non è stato versato invano, lui vive dentro di noi.

0 commenti:

Archivio blog