"Finalmente ho raggiunto il MIO traguardo e risolto il segreto della mia anima: Io sono QUELLO a cui rivolgevo le preghiere, QUELLO a cui chiedevo aiuto. Sono QUELLO che ho cercato. Sono la stessa vetta della MIA montagna. Guardo la creazione come una pagina del MIO stesso libro. Sono infatti l'UNICO che produce i molti, della stessa sostanza che prendo da ME.
Poiché TUTTO è ME, non vi sono due, la creazione è ME STESSO, dappertutto. Quello che concedo a ME stesso, lo prendo da ME stesso e lo do a ME stesso, l'UNICO, poiché sono il Padre ed il Figlio. Quanto a quello che voglio, non vedo altro che i MIEI desideri, che sgorgano da ME.
Sono infatti il conoscitore, il conosciuto, il soggetto, il governante ed il trono. Tre in UNO è quello che sono e l'inferno è solo un argine che ho messo al MIO stesso fiume, allorché sognavo durante un incubo. Sognai che non ero il SOLO unico e così IO stesso iniziai il dubbio, che fece il suo corso, finché non mi svegliai. Trovai così che IO avevo scherzato con ME stesso.
Ora che sono sveglio, riprendo di sicuro il MIO trono e governo il MIO regno che è ME stesso, il signore per l'eternità."

Clinatec : la clinica discreta dove si impiantano nanotecnologie nel cervello


Apprendiamo dal sito Basta! che ha realizzato una piccola inchiesta sulla questione di una strana clinica diretta dal Commissariato per l'energia atomica di Grenoble.

In tale clinica si lavora sulle applicazioni delle nanotecnologie nel campo delle neuroscienze quindi si studiano le possibili applicazioni per la cura delle malattie neurodegenerative come il morbo di Parkinson. Ma è difficile sapere cosa succede veramente, anche perchè, cosa davvero strana, la clinica Clinatec si trova al di fuori di una normale struttura ospedaliera, su un terreno del Commissariato per l'energia atomica, alcuni edifici del quale sono soggetti al segreto militare. E' decisamente strano che si faccia ricerca biomedica al di fuori di un ospedale in condizioni così poco trasparenti. Forse, si chiede Agnés Rousseaux, dietro gli studi di applicazioni apparentemente benefiche si celano le sperimentazioni che potrebbero portare alla realizzazione dell'uomo bionico del futuro, pieno di elettrodi e sorvegliato dai sensori (lo schiavo perfetto insomma). 

Gli studi sono rivolti ad una serie veramente notevole di disturbi e patologie (dalla depressione all'obesità, all'anoressia, ai cosiddetti disturbi ossessivi compulsivi, oltre alle malattie neurologiche)  malattie e disturbi per i quali è molto discutibile l'utilizzo di questi eventuali rimedi sintomatici dal momento che le cause spesso sono ben note e sono su un piano decisamente differente. Il morbo di Parkinson ed il morbo di Alzheimer ad esempio pare accertato che siano causati dai metalli pesanti e dagli altri contaminanti ambientali, la depressione e l'anoressia sono generalmente causate da problematiche psicologiche e ci si chiede come mai si spendano miliardi per sperimentare nanoimpianti nel cervello piuttosto che per sperimentare tecniche di disintossicazione da una parte e per imporre politiche che tutelino la salute dei cittadini dall'altra.
Appare quindi a maggior ragione inquietante la stranissima connessione con l'ente nucleare ed il ministero della difesa, quel ministero che sovrintende anche occultamente ad altre operazioni ben poco rispettose (diciamo così) della salute pubblica.

I soldi per la Clinatec arrivano da enti istituzionali, stato, regione, municipalità cittadina (più di 20 milioni di euro in tutto). Ma, denunciano gli ecologisti del consiglio municipale di Grenoble che hanno pubblicato un  dossier completo su Clinatec, non c'è stata alcuna informazione nè approvazione del consiglio municipale, e non è mai stato possibile avere alcun documento amministrativo sulla struttura a causa del "segreto industriale e militare".
A nostro giudizio per capire meglio dove costoro vogliono arrivare è opportuna la lettura dell'articolo microchip e grande fratello orwelliano e gli altri sotto l'etichetta microchip presenti su questo sito.
Da notare che anche in Italia ci si muove in direzioni vagamente simili in quanto è attivo un progetto il cui obiettivo è:
realizzare nanoparticelle (NPs) in grado di attraversare la barriera emato-encefalica per raggiungere il cervello, sede principale della malattia di Alzheimer. Alle nanoparticelle verranno legate molecole in grado di riconoscere (diagnosi) e distruggere (terapia) le placche amiloidi che si depositano nel cervello in tale malattia. L'efficacia delle NPs sarà alla fine verificata su modelli animali della malattia (ratti transgenici).
Davvero possiamo credere a quanto affermato sul sito che presenta tale progetto, ovvero che:
 Queste nanoparticelle possiedono numerosi requisiti, che le rendono uniche nell'ambito diagnostico e terapeutico. Tra le caratteristiche si segnalano alta biocompatibilità, bassa immunogenicità, assenza di tossicità, biodegradabilità, stabilità e facilità di preparazione
 ?

Leggi anche

0 commenti:

Archivio blog