"Finalmente ho raggiunto il MIO traguardo e risolto il segreto della mia anima: Io sono QUELLO a cui rivolgevo le preghiere, QUELLO a cui chiedevo aiuto. Sono QUELLO che ho cercato. Sono la stessa vetta della MIA montagna. Guardo la creazione come una pagina del MIO stesso libro. Sono infatti l'UNICO che produce i molti, della stessa sostanza che prendo da ME.
Poiché TUTTO è ME, non vi sono due, la creazione è ME STESSO, dappertutto. Quello che concedo a ME stesso, lo prendo da ME stesso e lo do a ME stesso, l'UNICO, poiché sono il Padre ed il Figlio. Quanto a quello che voglio, non vedo altro che i MIEI desideri, che sgorgano da ME.
Sono infatti il conoscitore, il conosciuto, il soggetto, il governante ed il trono. Tre in UNO è quello che sono e l'inferno è solo un argine che ho messo al MIO stesso fiume, allorché sognavo durante un incubo. Sognai che non ero il SOLO unico e così IO stesso iniziai il dubbio, che fece il suo corso, finché non mi svegliai. Trovai così che IO avevo scherzato con ME stesso.
Ora che sono sveglio, riprendo di sicuro il MIO trono e governo il MIO regno che è ME stesso, il signore per l'eternità."

Breviario di propaganda per neofiti.

12 regole infallibili per pubblicare, nei media, notizie proveniente dal Medio Oriente.

1. In Medio Oriente, sono sempre gli arabi i primi ad attaccare ed Israele non fa che difendersi.
Questa difesa si chiama "ritorsione".

2. Né gli arabi, né i palestinesi né i libanesi hanno il diritto di uccidere civili.
Questo si chiama "terrorismo".

3. Israele ha il diritto di uccidere civili.
E qui si tratta di "legittima difesa"

4. Quando Israele uccide civili in massa, le potenze occidentali chiedono di farlo con maggiore moderazione.
Questa è la normale "reazione della comunità internazionale."

5. Né i palestinesi, né i Libanesi hanno diritto di catturare soldati israeliani all'interno di installazioni militari.
Questo è "rapimento di persone inermi".

6. Israele ha il diritto di sequestrare, in qualsiasi momento e ovunque, tutti i palestinesi e libanesi che vuole, donne e bambini compresi.
(Attualmente i prigionieri in Israele sono diecimila, tra cui 300 bambini e innumerevoli donne).
Gli israeliani non hanno l'obbligo di fornire la minima prova della loro colpevolezza.
Israele ha il diritto di trattenere in detenzione indefinita i prigionieri, anche se questi sono delle personalità democraticamente elette dai palestinesi.
Questa si chiama "detenzione di terroristi".

7. Quando si menziona la parola "Hezbollah", è obbligatorio aggiungere nella stessa frase: "sostenuta e finanziata da Siria e Iran".

8. Quando si nomina "Israele", è categoricamente vietato aggiungere "sostenuta e finanziata dagli Stati Uniti".
Ciò potrebbe dare l'impressione che il conflitto non è uniforme, che Israele sia indifesa e che la sua esistenza sia minacciata.

9. Nelle informazioni su Israele, si deve sempre evitare di inserire le seguenti frasi: "territori occupati", "risoluzione delle Nazioni Unite", "violazioni dei diritti umani" e "Convenzione di Ginevra".

10. I palestinesi e i libanesi, sono sempre "vili" perché si nascondono tra la popolazione civile, che non li ama.
Se dormono a casa loro, con le proprie famiglie, questo ha un nome: "vigliaccheria".
Israele ha il diritto di distruggere, con le bombe e missili, i quartieri dove essi vanno a dormire, anche se vi sono civili inermi.
Si tratta della cosiddetto "bombardamento con precisione chirurgica".

11. Gli israeliani parlano meglio l'inglese, francese, spagnolo o portoghese che gli arabi..Per questo motivo meritano di essere intervistati più spesso e, quindi, di avere più spesso che gli arabi la possibilità di spiegare al grande pubblico, le regole, qui sopra, per la redazione degli articoli da 1 a 10. Questa si chiama "neutralità giornalistica".

12. Tutti coloro che sono in disaccordo con le regole di cui sopra sono "terroristi, anti-semiti, altamente pericolosi ", e bisogna denunciarli al grande pubblico.

di Lavataire e Hautefort.
http://www.lepost.fr/article/2009/01/06/1376656_pour-les-belles-ames-journaleux-et-posteurs.html

0 commenti:

Archivio blog