"Finalmente ho raggiunto il MIO traguardo e risolto il segreto della mia anima: Io sono QUELLO a cui rivolgevo le preghiere, QUELLO a cui chiedevo aiuto. Sono QUELLO che ho cercato. Sono la stessa vetta della MIA montagna. Guardo la creazione come una pagina del MIO stesso libro. Sono infatti l'UNICO che produce i molti, della stessa sostanza che prendo da ME.
Poiché TUTTO è ME, non vi sono due, la creazione è ME STESSO, dappertutto. Quello che concedo a ME stesso, lo prendo da ME stesso e lo do a ME stesso, l'UNICO, poiché sono il Padre ed il Figlio. Quanto a quello che voglio, non vedo altro che i MIEI desideri, che sgorgano da ME.
Sono infatti il conoscitore, il conosciuto, il soggetto, il governante ed il trono. Tre in UNO è quello che sono e l'inferno è solo un argine che ho messo al MIO stesso fiume, allorché sognavo durante un incubo. Sognai che non ero il SOLO unico e così IO stesso iniziai il dubbio, che fece il suo corso, finché non mi svegliai. Trovai così che IO avevo scherzato con ME stesso.
Ora che sono sveglio, riprendo di sicuro il MIO trono e governo il MIO regno che è ME stesso, il signore per l'eternità."

Tzipi Livni ha paura di essere ammanettata in Belgio

I dirigenti dello stato sionista temono di essere citati in giudizio per crimini di guerra.
A Bruxelles, presentando i risultati di una missione a Gaza, la Federazione Internazionale dei Diritti dell'Uomo (FIDH) e altre organizzazioni hanno espresso la loro convinzione che Israele si è reso colpevole di "gravi violazioni del diritto umanitario internazionale, comprese le violazioni della 4a Convenzione di Ginevra, sulla protezione delle persone civili in tempo di guerra ".
Esse hanno chiesto "l'urgente costituzione di una commissione d'inchiesta indipendente, [], che potrebbe evidenziare le singole responsabilità."

"Tutte le parti della 4a Convenzione di Ginevra hanno l'obbligo giuridico di ordinare un'inchiesta", ha
aggiunto lo ONG.

Membro della missione, l'attivista belga Simone Susskind ha esortato l'Unione europea a mettere fine al suo "sonno inquietante" (una manifestazione si terrà Lunedi a Bruxelles) e il palestinese Raji Sourani ha denunciato una "congiura del silenzio".
da:
La "guerre" des plaintes

In La Libre Belgique, 22 gennaio:
"... i ministri e soldati possono essere perseguiti per il loro coinvolgimento nella guerra.
Anche in Israele, otto organizzazioni dei diritti umani hanno già richiesto al procuratore generale dello Stato di avviare un'inchiesta, dato "l'ampiezza e il carattere terrificante" del bilancio dei civili palestinesi.
È pertanto possibile che i responsabili israeliani possano astenersi da viaggi all'estero, per evitare di essere arrestati.
inoltre l'esercito israeliano prevede di vietare la pubblicazione dei nomi e le fotografie degli ufficiali che hanno condotto le operazioni a Gaza.
Ma Israele è già in programma un contro attacco; gli avvocati hanno già formulato un contro-argomento; l'esercito raccoglie le prove; e il ministro degli affari sociali, Haim Herzog, coordinatore degli aiuti umanitari a Gaza, centralizzerà tutte le campagne per discolpare lo Stato e i suoi cittadini."

È interessante notare che è lo stesso membro del governo sionista che è incaricato di tentare di scagionare la bandito-crazia sionista (democratica) e di coordinare l'assistenza umanitaria a Gaza.
Forse, le bombe al fosforo e altri missili di qualsiasi calibro facevano parte dei cosiddetti aiuti umanitari.
Nello stesso tempo è vero che i terroristi sionisti rischiano di avere qualche difficoltà a viaggiare, nei mesi e negli anni a venire.
Perfettamente consapevoli delle atrocità che hanno commesso, come hanno apertamente dichiarato, rivendicando l'inportanza strategica, nel loro scontro con la Palestina, essi non sottovalutano assolutamente il rischio di un arresto.
Così, la signora Tzipi Livni, ministro degli Esteri israeliano, che è attualmente a Bruxelles ha rischiato di cancellare il suo viaggio per paura di essere arrestata:

"Dopo che un giornalista di Nazaret ha riferito che il ministro degli Esteri rischiava di affrontare una procedura giudiziaria al suo arrivo in Belgio.
Tamar Samash, ambasciatore israeliano a Bruxelles, Ran Curiel, ambasciatore presso l'UE e il Ministero della Giustizia, hanno immediatamente cercato di verificare l'informazione che si è rivelata falsa; ciò che ha permesso a Livni e agli altri membri del ministero di recarsi in Belgio, Fonte: Yediot Aharonot

Decisamente, i tempi stanno cambiando per lo stato sionista. E questo è solo l'inizio ...
Mounadil el-Djazaïri

Firma la petizione: Giustizia per il Libano
http://translate.google.com/translate?langpair=en|it&u=http://www.petitiononline.com/Jul06Leb/

0 commenti:

Archivio blog