"Finalmente ho raggiunto il MIO traguardo e risolto il segreto della mia anima: Io sono QUELLO a cui rivolgevo le preghiere, QUELLO a cui chiedevo aiuto. Sono QUELLO che ho cercato. Sono la stessa vetta della MIA montagna. Guardo la creazione come una pagina del MIO stesso libro. Sono infatti l'UNICO che produce i molti, della stessa sostanza che prendo da ME.
Poiché TUTTO è ME, non vi sono due, la creazione è ME STESSO, dappertutto. Quello che concedo a ME stesso, lo prendo da ME stesso e lo do a ME stesso, l'UNICO, poiché sono il Padre ed il Figlio. Quanto a quello che voglio, non vedo altro che i MIEI desideri, che sgorgano da ME.
Sono infatti il conoscitore, il conosciuto, il soggetto, il governante ed il trono. Tre in UNO è quello che sono e l'inferno è solo un argine che ho messo al MIO stesso fiume, allorché sognavo durante un incubo. Sognai che non ero il SOLO unico e così IO stesso iniziai il dubbio, che fece il suo corso, finché non mi svegliai. Trovai così che IO avevo scherzato con ME stesso.
Ora che sono sveglio, riprendo di sicuro il MIO trono e governo il MIO regno che è ME stesso, il signore per l'eternità."

California. Il radon fa la spia nella capitale del terremoto

di Maurizio Chierici

Impossibile prevedere i terremoti. Quando il radon esce dalla terra non è detto che la terra si scuota. Chi fa pronostici è uno alla ricerca di pubblicità. Tutti d’accordo dal sottosegretario Guido Bertolaso agli esperti togati al lavoro in Abruzzo. Il radon è un gas radioattivo; risale in superficie appena le falde cominciano a scricchiolare ma è solo uno dei segnali e non sempre va preso sul serio: gli scienziati italiani la pensano così. I tecnici americani devono credere alle fate morgane: per monitorare la presenza improvvisa di radon spendono milioni di dollari l’anno. Ecco la domanda: quanti rilevatori di radon accompagnano l’instabilità dell’Appennino dalla Liguria alla Calabria, dorsale sismica ad alto rischio? E quanti esperti e quanti laboratori sono incaricati del monitoraggio? Spreco Usa o disattenzione italiana?

In California il terremoto è un nemico che spaventa come le ombre di Al Qaeda. La falda di Sant’Andreas attraversa la baia di San Francisco, taglia il campus dell’università di Standford, sfiora una falda minore con la quale si riunisce alle spalle di Los Angeles. Il fosso di Sant’Andrea è un taglio ormai non più sotterraneo, si allarga di qualche centimetro l’anno, chissà se fra un secolo Hollywood diventerà l’isola dei famosi. Il punto critico dove le due fenditure cominciano a sfiorarsi è un paesino di nome Parkfield, campi e sabbia in fondo alla valle dell’Eden qualche chilometro da Salinas, fondale della grande depressione anni ‘30 raccontata da Steinbeck. Parkfield è stata dichiarata . Il big bang dovrebbe succedere qui. Vent’anni fa Washington ordina agli abitanti di sgombrare: municipio requisito dallo stato, ma i contadini non vogliono abbandonare pascoli e case.

Per evitare sgomberi fastidiosi la protezione civile Usa li assume come impiegati-sensori: danno l’allarme quando succede qualcosa. Parkfield registra più o meno 200 scosse l’anno, di piccola ma anche pericolosa intensità. Il popolo dei volontati non deve spaventarsi e non deve telefonare a nessuno. Ogni casa è imbottita di rivelatori di ogni tipo sintonizzati a un satellite che ritrasmette agli osservatori di San Francisco e Los Angeles cosa succede o cosa dovrebbe succedere. Radon grande ossessione. In ogni stanza, automobile (con targa Governo degli stati Uniti), rubinetto, stalla, pollaio, i rilevatori cercano ventiquattro ore al giorno tracce del gas sentinella, aria e acqua soprattutto, ma non perdono d’occhio il sudore delle persone. Il signore e la signora Wayne vanno a letto con la macchinetta sotto il pigiama; tutti gli abitanti dormono così. La polizia ferma gli automobilisti lungo la strada: multe e pericolo di espulsione dal villaggio se non trovano il sensore a fior di pelle. Ricevono uno stipendio e maturano la pensione di stato, contratto che nessuno vuol perdere anche se la loro vita non è cambiata da prima della nazionalizzazione della paura: mucche al pascolo e conigli sotto tende climatizzate in questa California bollente, per sei mesi l’anno sfiora i quaranta gradi. Insomma, abitudini che non cambiano e doppio stipendio ma col radon da tenere d’occhio. Hanno trasformato l’inconveniente nel bric brac della bigiotteria dei posti di turismo. Vendono termometri spezzati e magliette con un’ombra sorridente che annuncia: sono il radon e vi tengo d’occhio.

mchierici2@libero.it

Stampa Libera
Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

2 commenti:

Anonimo ha detto...

Nn capisco..nel mio programma di scienze della terra al liceo si studiava di come l'unico elemento premonitore valido per un terremoto fosse l'improvvisa fuoriuscita di RADON!!!!!!!!!!!!!!!

Perchè adesso anche Wikipedia dice che non è più valido?
Farebbero troppa brutta figura alla protezione civile?

ps. cito a caso: " Da Taiwan agli Stati Uniti e persino dagli esperti giapponesi tale sistema di predizione dei terremoti da anni è consuetudine." (Primapress.it)

giuditta ha detto...

Wikipedia non è una referenza! Purtroppo siamo in mano a dei criminali! Un tramonto bellissimo multi colorato, l'ho visto a Sapri la sera prima del terremoto all'Aquila. Era il Radon che rifletteva i raggi solari. Mi sono ricordata che la sera del terremoto dell'Irpinia dell'80, e la sera prima di un'altro terremoto nel '90 ho visto lo stesso favoloso tramonto.

Archivio blog