"Finalmente ho raggiunto il MIO traguardo e risolto il segreto della mia anima: Io sono QUELLO a cui rivolgevo le preghiere, QUELLO a cui chiedevo aiuto. Sono QUELLO che ho cercato. Sono la stessa vetta della MIA montagna. Guardo la creazione come una pagina del MIO stesso libro. Sono infatti l'UNICO che produce i molti, della stessa sostanza che prendo da ME.
Poiché TUTTO è ME, non vi sono due, la creazione è ME STESSO, dappertutto. Quello che concedo a ME stesso, lo prendo da ME stesso e lo do a ME stesso, l'UNICO, poiché sono il Padre ed il Figlio. Quanto a quello che voglio, non vedo altro che i MIEI desideri, che sgorgano da ME.
Sono infatti il conoscitore, il conosciuto, il soggetto, il governante ed il trono. Tre in UNO è quello che sono e l'inferno è solo un argine che ho messo al MIO stesso fiume, allorché sognavo durante un incubo. Sognai che non ero il SOLO unico e così IO stesso iniziai il dubbio, che fece il suo corso, finché non mi svegliai. Trovai così che IO avevo scherzato con ME stesso.
Ora che sono sveglio, riprendo di sicuro il MIO trono e governo il MIO regno che è ME stesso, il signore per l'eternità."

E' ora di finirla con Pasteur! Un secolo di mistificazione scientifica.

...Infine, c'era chi (come Hamer) tagliava la testa al toro, o per meglio dire al microrganismo, ribaltando, capovolgendo l'atteggiamento comune che vede in esso un nemico, mostrandocelo invece nella sua vera faccia di amico utile e spazzino solerte, ossia divoratore delle nostre tossine, quindi pulitore, servo, cameriere, che ci aiuta a risolvere le scorie fisiche del conflitto psichico che ha causato la patologia, il conflitto e non esso, il batterio o il micro-bìo, come lo spazzino non è causa della spazzatura, e quindi in realtà salvatore benefico che ci evita di morire soffocati e sepolti dai nostri stessi rifiuti, per arrivare poi alla più complessa spiegazione altamente scientifica e sofisticata di Naessens che, integrando la teoria di Hamer altrettanto documentabile, ci mostra, attraverso il somatoscopio di sua invenzione, la perfetta inutilità e assurdità di una caccia alle streghe, ossia, caccia ai microrganismi, assolutamente inafferrabili e non identificabili a causa di una loro continua trasformazione, a seconda della trasformazione del terreno, in successivi stadi (16) che vanno da quello più piccolo da lui scoperto, dei somatidi, a quello delle spore, dai vari tipi di batteri e micobatteri ai lieviti, per cui si rende insensata una lotta allo scopo di eliminare microrganismi che vedendo alterato chimicamente il terreno magari dalle stesse armi di lotta, mutano secondo la legge della sopravvivenza e della adattabilità! Un presunto nemico che non si scoprirà mai perché cambia sempre faccia!

A questo punto, come potete capire, casca tutto il castelletto creato da Pasteur e dalle industrie farmaceutiche, sulla base delle scoperte fatte in realtà da Béchamp e copiate da Pasteur: non senza ragione il dr. Eric Ancelet titola un suo libro: "Pour en finir avec PASTEUR. Un siècle de mystification scientifique." ("E' ora di finirla con Pasteur! Un secolo di mistificazione scientifica.") Nel qual libro riepiloga la scoperta di queste primordiali "particelle scoperte da Béchamp, studiate e fotografate da Tissot, visualizzate e filmate ai nostri giorni da Gaston Naessens. Microzyma o somatide, queste particelle sono il fondamento stesso della vita . . . una deduzione s'impone immediatamente: noi siamo costituiti da batteri!
"Per completare il quadro, il dr. Ancelet descrive i virus, che vengono considerati da tutti, come egli li chiama fra virgolette, "il nemico pubblico n°1"! Nonché "parassiti assoluti", " del 60% delle malattie infettive", il cui unico scopo nella vita sembrerebbe essere quello di nuocerci, come egli dice riassumendo l'opinione pubblica. Ma, in armonia con studi confermanti del dr. Lanka, altro medico boicottato e isolato (ma non dimentichiamo anche Enderlein, e i suoi endobionti, cui accenna anche Kunnen), questi virus, che non è nemmeno esatto chiamare "esseri viventi", essendo in realtà strutture proteiche paragonabili ai geni, "di una semplicità assoluta: una informazione molto concisa protetta da una busta, esattamente come una lettera o meglio un telegramma . . . virus e geni sono identici . . . i geni sono sedentari e i virus nomadi, i primi piuttosto conservatori quando tutto va bene, i secondi assicurano la parte adattogena ed evolutiva in tutte le situazioni conflittuali."

Come vedete, così va a gambe per aria non solo il castelletto della virologia, ma anche quello della genetica, un'altra immensa balla creata a scopo di lucro e di giochi di borsa! Ma soprattutto a scopo di potere: è il Governo Mondiale cui mirano! E verso il quale, come potete vedere, ci stiamo avviando: EU, moneta unica, carta di credito con microchip e microchip sotto pelle, per controllarci e governarci meglio: se no, che ci fanno con i soldi, se non possono comprarci niente? Servono gli schiavi che fabbricano le cose e offrono i servizi da comprare! E se in natura non esistono batteri e micròbi nemici, li creano loro, in laboratorio! Quale miglior arma che quella batteriologica e chimica?
Da un pugnale ci sappiamo difendere tutti! E nello scatenarsi dell'ultimo attacco allo scopo di ottenere il dominio globale, ecco stranamente apparire gli spettri delle epidemie: ancora la manzoniana peste! Il vaiolo, il carbonchio, mostro creato in laboratorio!
Ecco a che cosa pensava il caro massone Pasteur! Non a fare vaccini protettivi, ma mostruosi microrganismi e vaccini pseudo-terapeutici, in realtà avvelenanti con metalli tossici, come quelli che ci depositano in bocca, usata come discarica: non sapendo dove smaltire il fluoro per esempio, lo "smaltiscono" sul nostro "smalto" dentario, attraverso i dentifrici che noi come grulli compriamo! Così, non solo ci avvelenano, paghiamo pure il veleno!
Il dr. Ancelet lancia sospetti e invita all'indagine poliziesca sulla realtà storica e biologica di altre strane epidemie, comprese quelle classiche, peste, vaiolo: il vaiolo, dice Ancelet, fu la prima malattia infettiva a far nascere un vaccino, ed obbligatorio, il cui merito va a Edward Jenner.
Forse il vaiolo l'abbiamo sostituito, prosegue, con certe malattie cutanee come la psoriasi che assomiglia tanto a un vaiolo freddo? O tengono in serbo tutte queste cose, questi microrganismi, magari tutti creati in laboratorio, per usarli nelle guerre: sono più potenti, più efficaci, più economici, dei soldati! E non hanno coscienza perché non sanno quello che fanno! La creazione a tavolino di un'epidemia come quella dell'AIDS, basata poi addirittura su un virus inesistente (chiedetene la foto all'Istituto Pasteur!), giustifica ogni sospetto ed illazione.

Tratto da:
1° CONGRESSO MONDIALE di medicina naturale
Milano, 5/8 ottobre 2001
La Leva di Archimede

0 commenti:

Archivio blog