"Finalmente ho raggiunto il MIO traguardo e risolto il segreto della mia anima: Io sono QUELLO a cui rivolgevo le preghiere, QUELLO a cui chiedevo aiuto. Sono QUELLO che ho cercato. Sono la stessa vetta della MIA montagna. Guardo la creazione come una pagina del MIO stesso libro. Sono infatti l'UNICO che produce i molti, della stessa sostanza che prendo da ME.
Poiché TUTTO è ME, non vi sono due, la creazione è ME STESSO, dappertutto. Quello che concedo a ME stesso, lo prendo da ME stesso e lo do a ME stesso, l'UNICO, poiché sono il Padre ed il Figlio. Quanto a quello che voglio, non vedo altro che i MIEI desideri, che sgorgano da ME.
Sono infatti il conoscitore, il conosciuto, il soggetto, il governante ed il trono. Tre in UNO è quello che sono e l'inferno è solo un argine che ho messo al MIO stesso fiume, allorché sognavo durante un incubo. Sognai che non ero il SOLO unico e così IO stesso iniziai il dubbio, che fece il suo corso, finché non mi svegliai. Trovai così che IO avevo scherzato con ME stesso.
Ora che sono sveglio, riprendo di sicuro il MIO trono e governo il MIO regno che è ME stesso, il signore per l'eternità."

Facebook: l'Embargo




Titolo originale: Facebook: accesso negato
su Xtravaned.blog

Mi sono iscritto recentemente all'ormai famoso social network Facebook, leggendo i termini d uso ho scoperto che gli utenti di alcuni Paesi non hanno la possibilità di accedere al sito in quanto sotto embargo statunitense. Al punto 4.3 della dichiarazione dei diritti e della responsabilità potete troverete la frase:

1. Non utilizzare Facebook se ti trovi in un paese sotto embargo degli Stati Uniti, o se sei stato incluso nell'elenco "Specially Designated Nationals" del Ministero del Tesoro degli Stati Uniti.

I Paesi che sono sotto l'embargo delgi Stati uniti attualmente sono: Cuba, Corea del Nord, Iran, Siria e Sudan. Perché Facebook, senza specificare apertamente questa scelta, ha adottato la politica di non fare accedere al suo sito le persone che si trovano in questi paesi? Una scelta che sembra andare contro i principi stessi di questo social network fatto a posta per collegare fra loro le persone. Se vi interessa l'argomento e volete appoggiare coloro che stanno facendo pressioni per eliminare questa parte del regolamento in modo da garantire a chiunque in tutto il mondo il libero accesso a Facebook potete iscrivervi al gruppo:


0 commenti:

Archivio blog