"Finalmente ho raggiunto il MIO traguardo e risolto il segreto della mia anima: Io sono QUELLO a cui rivolgevo le preghiere, QUELLO a cui chiedevo aiuto. Sono QUELLO che ho cercato. Sono la stessa vetta della MIA montagna. Guardo la creazione come una pagina del MIO stesso libro. Sono infatti l'UNICO che produce i molti, della stessa sostanza che prendo da ME.
Poiché TUTTO è ME, non vi sono due, la creazione è ME STESSO, dappertutto. Quello che concedo a ME stesso, lo prendo da ME stesso e lo do a ME stesso, l'UNICO, poiché sono il Padre ed il Figlio. Quanto a quello che voglio, non vedo altro che i MIEI desideri, che sgorgano da ME.
Sono infatti il conoscitore, il conosciuto, il soggetto, il governante ed il trono. Tre in UNO è quello che sono e l'inferno è solo un argine che ho messo al MIO stesso fiume, allorché sognavo durante un incubo. Sognai che non ero il SOLO unico e così IO stesso iniziai il dubbio, che fece il suo corso, finché non mi svegliai. Trovai così che IO avevo scherzato con ME stesso.
Ora che sono sveglio, riprendo di sicuro il MIO trono e governo il MIO regno che è ME stesso, il signore per l'eternità."

"Influenza Messicana Party" stasera, a casa mia?

L'idea dei "party influenza A (H1N1)" é nata all'inizio del mese di maggio negli USA, dove vige già l'usanza (geniale) delle piccole feste "prendi la Varicella" fra i genitori americani, per fare in modo che i loro pargoletti si ammalino di varicella, e per evitarne il contagio ad un'età in cui la malattia diviene più pericolosa.

Alcuni hanno avuto l'idea di fare la stessa cosa con l'influenza A.

Cadere malati subito, per essere protetti quest'inverno quando il virus potrebbe divenire più viruleto ((forse!).

L'idea si é diffusa anche in Gran Bretagna. Sui siti di medicina si possono trovare delle discussioni che testimoniano dell'organizzazione di queste serate. Basta conoscere un malato ed é fatto!

Tutti i volontari sono invitati a passare la serata nella stessa stanza del malato. E' vivamente consigliato di starnutire senza mano davanti la bocca, e di bere dai bicchieri degli altri.

Puo' sembrare delirante ma il prof. Richard Jarvis, presidente della commissione sanitaria della British Medical Association, ammette che prendere il virus adesso puo' immunizzare in seguito, anche se il virus mutasse per divenire più viruleto.

Ma quello che da fastidio allo stesso Javis, é che questi metodi ostacolano gli sforzi delle autorità sanitarie, che cercano di rallentare la propagazione del virus per avere il tempo di tovare un vaccino efficace...

N.B. questo sig. Javis e gli altri medici che lavorano per i vari governi, lo sanno bene che la malattia non diviene più virulenta con l'arrivo dei primi freddi!
La verità é che sono le difese immunitarie che diminuiscono, semplicemente!!!!!!

Per proteggerci dai virus e altri microrganismi facciamo il pieno di vitamina C e di olio di fegato di merluzzo (vitamina D), lo so il gusto non é il massimo, ma non é caro e ne vale la pena.
Leggete assolutamente questo post:

Vitamina D e la verità sull'influenza.

Su SOTTOVOCE 360°



0 commenti:

Archivio blog