"Finalmente ho raggiunto il MIO traguardo e risolto il segreto della mia anima: Io sono QUELLO a cui rivolgevo le preghiere, QUELLO a cui chiedevo aiuto. Sono QUELLO che ho cercato. Sono la stessa vetta della MIA montagna. Guardo la creazione come una pagina del MIO stesso libro. Sono infatti l'UNICO che produce i molti, della stessa sostanza che prendo da ME.
Poiché TUTTO è ME, non vi sono due, la creazione è ME STESSO, dappertutto. Quello che concedo a ME stesso, lo prendo da ME stesso e lo do a ME stesso, l'UNICO, poiché sono il Padre ed il Figlio. Quanto a quello che voglio, non vedo altro che i MIEI desideri, che sgorgano da ME.
Sono infatti il conoscitore, il conosciuto, il soggetto, il governante ed il trono. Tre in UNO è quello che sono e l'inferno è solo un argine che ho messo al MIO stesso fiume, allorché sognavo durante un incubo. Sognai che non ero il SOLO unico e così IO stesso iniziai il dubbio, che fece il suo corso, finché non mi svegliai. Trovai così che IO avevo scherzato con ME stesso.
Ora che sono sveglio, riprendo di sicuro il MIO trono e governo il MIO regno che è ME stesso, il signore per l'eternità."

Francia. "L'influenza A è solo una influenzetta"


«La grippe A reste une grippette», assure le Pr Debré
su Le Figaro-Santé

In un'intervista televisiva, il celebre professore in medicina Bernard Debré, ha affermato che il virus H1N1 "non è pericoloso" e ha accusato il governo di utilizzare l'influenza A a dei fini politici.

L'influenza A è usata dai governi per scopi politici.
In sostanza è quello che ha detto il professor Bernard Debré, in un'intervista al Journal du Dimanche.
Direttore del servizio di Urologia presso l'Ospedale Cochin, membro del Comitato nazionale di etica e deputato UMP da Parigi, il professor Debre accusa le autorità di esagerare con il virus H1N1, un virus benigno, secondo lui.

"Questa influenza non è pericolosa. Ci siamo resi conto che era forse un po' meno pericolosa dell'influenza stagionale. Allora adesso bisogna fischiare la fine della partita!" ha detto.
Mentre il Primo Ministro Francois Fillon prevede "diversi milioni di francesi",colpiti a partire di settembre e evoca "il rischio di rallentamento dell'economia", in una conferenza stampa, Bernard Debré è molto rassicurante "Questa è e resterà una influenzetta".
"Tutto ciò che facciamo serve solo a spaventarci"
"Questo tipo di influenza era attesa e faceva molta paura", perché "tutti avevano in mente il fenomeno dell'influenza aviaria H5N1, che è molto pericolosa per gli esseri umani, con un tasso di mortalità del 60 al 65%, ma non contagiosa perché difficilmente attraversa la barriera delle specie ", spiega il professor Debre.
"Noi temiamo una redistribuzione dei geni che possono portare ad un virus altamente virulento e contagioso.
Questa lotteria c'è stata, ma è uscito un buon numero: l'H1N1.
Temevano un jack di picche, ma è uscita una dama di cuori."

Particolarmente arrabbiato contro il governo, Bernard Debré attacca il governo, secondo lui colpevole di "aver ceduto ad una eccessiva mediatizzazione politica di questo evento"
"Tutto ciò che facciamo serve solo a spaventarci(...) è inutile spaventare le popolazioni eccetto se si volesse loro, per fini politici, inculcare il seguente messaggio: Buona gente dormite senza timore, noi vegliamo su di voi ", dice il professore.

Secondo la Organizzazione Mondiale della Sanità, l'influenza A ha colpito circa 140.000 persone e ha fatto quasi 800 morti in tutto il mondo in quattro mesi.
In Francia, l'Istituto per la Sanità Pubblica ha registrato 483 casi di influenza, nessuno dei quali sono stati fatali.

0 commenti:

Archivio blog