"Finalmente ho raggiunto il MIO traguardo e risolto il segreto della mia anima: Io sono QUELLO a cui rivolgevo le preghiere, QUELLO a cui chiedevo aiuto. Sono QUELLO che ho cercato. Sono la stessa vetta della MIA montagna. Guardo la creazione come una pagina del MIO stesso libro. Sono infatti l'UNICO che produce i molti, della stessa sostanza che prendo da ME.
Poiché TUTTO è ME, non vi sono due, la creazione è ME STESSO, dappertutto. Quello che concedo a ME stesso, lo prendo da ME stesso e lo do a ME stesso, l'UNICO, poiché sono il Padre ed il Figlio. Quanto a quello che voglio, non vedo altro che i MIEI desideri, che sgorgano da ME.
Sono infatti il conoscitore, il conosciuto, il soggetto, il governante ed il trono. Tre in UNO è quello che sono e l'inferno è solo un argine che ho messo al MIO stesso fiume, allorché sognavo durante un incubo. Sognai che non ero il SOLO unico e così IO stesso iniziai il dubbio, che fece il suo corso, finché non mi svegliai. Trovai così che IO avevo scherzato con ME stesso.
Ora che sono sveglio, riprendo di sicuro il MIO trono e governo il MIO regno che è ME stesso, il signore per l'eternità."

Sclerosi multipla e vaccini. La GlaxoSmithKline responsabile!


Titolo originale:
Le labo GSK reconnu responsable d'une sclérose en plaques
da Liberation.fr
Traduzione di Giuditta.

Il laboratorio farmaceutico GKS è stato riconosciuto responsabile della sclerosi multipla di un'adolescente, verificatasi in seguito ad una vaccinazione contro l'epatite B.

Questa è una vittoria per tutti coloro che cercano di far riconoscere dalla giustizia il legame tra la vaccinazione contro l'epatite B e la sclerosi multipla.
Dopo più di dieci anni d'iter, la società farmaceutica GlaxoSmithKline (GSK) è stata riconosciuta "pienamente responsabile" della sclerosi multipla diagnosticata in un adolescente nel 1998, solo qualche mese dopo l'ultima iniezione di Engerix, un vaccino contro l'epatite B.

La decisione del Tribunal de Grande Instance di Nanterre, in data 12 giugno e rivelata oggi da Liberazione, condanna GSK a pagare 396.000 euro di risarcimento per la giovane donna, che oggi ha 27 anni. Questa decisione è una première da quando la Corte di Cassazione nel 2003 aveva deciso che il legame tra la vaccinazione e la sclerosi multipla non poteva essere stabilita.

La storia inizia nel 1994, quando a Camille (1), di 12 anni, iniettano la prima dose di un vaccino contro l'epatite B. La Francia era in piena campagna nazionale: il potere pubblico incitava la popolazione a essere vaccinati contro una malattia che può causare epatite acuta e cancro al fegato. Tra il 1994 e il 1998, 20 milioni di francesi sono vaccinati, il terzo della popolazione.

Nel febbraio 1997, Camille subisce il richiamo del vaccino. In aprile, è ricoverata in ospedale per disturbi d'equilibrio e di visione, constatati durante una competizione di ginnastica ritmica. Nel gennaio 1998, la diagnosi è la sclerosi multipla. L'adolescente aveva 15 anni. Sua madre presenta una denuncia nei confronti di GSK nel febbraio 1999. Centinaia di denunce simili sono state depositate nei tribunali civili, ma anche penali: il giudice Marie-Odile Bertella-Geoffroy, che dirige il centro di salute pubblica a Parigi, ha accusato l'anno scorso il francese GSK e Sanofi Pasteur MSD per "raggiro aggravato". L'affare è sempre in fase d'istruzione.

Come spesso accade in casi di salute pubblica, è molto difficile dimostrare i fatti con certezza. Gli studi scientifici che tentano di dimostrare il legame tra la vaccinazione contro l'epatite B hanno difficoltà a prendere in conto degli incidenti che, visibilmente, sono rari. Nel settembre del 2008, uno studio condotto da un team dell'Assistenza Pubblica-Ospedali di Parigi ha deciso così che fosse un rischio non nullo, ma basso sui bambini. Per il Tribunale di Nanterre, non c'è bisogno di aspettare una prova definitiva, che probabilmente non ci sarà mai.

La responsabilità di questo laboratorio è riconosciuta, se ci sono "ipotesi precise, gravi e concordanti", come nel caso di Camille.

Contattato giovedì nel tardo pomeriggio, da Liberazione, GSK ha rifiutato di commentare tale decisione, o dire se ha intenzione o no di presentare un ricorso.

(1) Il nome è stato cambiato.

Vi ricordo che guarire dalla sclerosi multipla si può, disintossicandosi:


0 commenti:

Archivio blog