"Finalmente ho raggiunto il MIO traguardo e risolto il segreto della mia anima: Io sono QUELLO a cui rivolgevo le preghiere, QUELLO a cui chiedevo aiuto. Sono QUELLO che ho cercato. Sono la stessa vetta della MIA montagna. Guardo la creazione come una pagina del MIO stesso libro. Sono infatti l'UNICO che produce i molti, della stessa sostanza che prendo da ME.
Poiché TUTTO è ME, non vi sono due, la creazione è ME STESSO, dappertutto. Quello che concedo a ME stesso, lo prendo da ME stesso e lo do a ME stesso, l'UNICO, poiché sono il Padre ed il Figlio. Quanto a quello che voglio, non vedo altro che i MIEI desideri, che sgorgano da ME.
Sono infatti il conoscitore, il conosciuto, il soggetto, il governante ed il trono. Tre in UNO è quello che sono e l'inferno è solo un argine che ho messo al MIO stesso fiume, allorché sognavo durante un incubo. Sognai che non ero il SOLO unico e così IO stesso iniziai il dubbio, che fece il suo corso, finché non mi svegliai. Trovai così che IO avevo scherzato con ME stesso.
Ora che sono sveglio, riprendo di sicuro il MIO trono e governo il MIO regno che è ME stesso, il signore per l'eternità."

È giunta l'ora di rivendicare il nostro diritto ad essere antirazzisti.


Segnalazione di SLec
un articolo di di Don Vitaliano della Sala
dal manifesto del 14-11-2009

[...]…Non so voi ma, in questi tempi in cui l'unica parola vincente sull'immigrazione sembra essere quella razzista, xenofoba e disumana della Lega, io guardo i telegiornali e leggo i quotidiani con grande sofferenza e rabbia, anche se con una non ancora spenta speranza di sentire, finalmente, la voce forte e rappresentativa della società civile, delle istituzioni, dei partiti, della Chiesa, dei costituzionalisti e giuristi sani e democratici del nostro Paese, che finalmente abbiano il coraggio di uscire allo scoperto e gridare quello che oggi non fa piacere a nessuno sentire: abbiamo il dovere di accogliere i migranti, altrimenti vorrà dire che la barbarie si è impadronita della nostra civiltà.
È giunta l'ora di rivendicare il nostro diritto ad essere antirazzisti, uscendo allo scoperto con la "stella di Davide" cucita sulla giacca pur senza essere ebrei, dichiarandoci idealmente albanesi o kurdi o maghrebini, pur essendo nati in Italia.
È giunto il momento in cui dobbiamo fare in modo che tutti i fratelli e le sorelle migranti, anche se considerati dalla legge clandestini, restino in Italia, perché in ogni caso hanno qualcosa da insegnarci, da regalarci; perché restando potranno aiutare il nostro Paese a cambiare, potranno aiutarci a crescere.
E, se questo è il posto in cui a loro piace vivere, dobbiamo permettere che rimangano in Italia, perché i confini territoriali, l'idea di patria e di nazione fanno parte del passato: siamo tutti, egualmente, cittadini dello stesso mondo.

0 commenti:

Archivio blog