"Finalmente ho raggiunto il MIO traguardo e risolto il segreto della mia anima: Io sono QUELLO a cui rivolgevo le preghiere, QUELLO a cui chiedevo aiuto. Sono QUELLO che ho cercato. Sono la stessa vetta della MIA montagna. Guardo la creazione come una pagina del MIO stesso libro. Sono infatti l'UNICO che produce i molti, della stessa sostanza che prendo da ME.
Poiché TUTTO è ME, non vi sono due, la creazione è ME STESSO, dappertutto. Quello che concedo a ME stesso, lo prendo da ME stesso e lo do a ME stesso, l'UNICO, poiché sono il Padre ed il Figlio. Quanto a quello che voglio, non vedo altro che i MIEI desideri, che sgorgano da ME.
Sono infatti il conoscitore, il conosciuto, il soggetto, il governante ed il trono. Tre in UNO è quello che sono e l'inferno è solo un argine che ho messo al MIO stesso fiume, allorché sognavo durante un incubo. Sognai che non ero il SOLO unico e così IO stesso iniziai il dubbio, che fece il suo corso, finché non mi svegliai. Trovai così che IO avevo scherzato con ME stesso.
Ora che sono sveglio, riprendo di sicuro il MIO trono e governo il MIO regno che è ME stesso, il signore per l'eternità."

Taser contro una bambina di 10 anni che non voleva fare la doccia!


di Giuditta

Il 17 novembre, Vernon McDaniel, sindaco della città di Ozark (Arkansas), ha chiesto l'apertura di un'inchiesta sull'utilizzazione di un Taser contro una bambina di 10 anni.
Secondo la sua relazione, l'ufficiale di polizia Dustin Bradshaw ha usato un Taser X26 sulla bambina dopo aver ricevuto un colpo da questa.
Il capo della polizia di Ozark ritiene che l'uso del Taser sulla ragazzina era giustificata, aggiungendo che l'ufficiale non aveva ricevuto una nota di biasimo ed era sempre al suo posto.
Il rapporto precisa che è stata la madre della bambina che ha autorizzato la polizia a colpirla.
Il poliziotto aveva invano cercato di far fare una doccia alla ragazzina con l'aiuto della madre.
L'ufficiale ha cercato di metterle le manette, e visto che lei "ha opposto resistenza all'arresto" ha sparato con la pistola elettrica. La piccola ha smesso di resistere, ed è stata ammanettata e chiusa nell'auto della pattuglia.

Il 18 novembre l'Arkansas-Gazette, ha pubblicato un articolo dove si dice che infine, il poliziotto è stato sospeso per 7 giorni (ma senza sospensione della sua paga) in attesa di un'indagine, non per aver colpito un bambino, ma perché la videocamera solitamente posta sulla sua Taser non c'era.

0 commenti:

Archivio blog