"Finalmente ho raggiunto il MIO traguardo e risolto il segreto della mia anima: Io sono QUELLO a cui rivolgevo le preghiere, QUELLO a cui chiedevo aiuto. Sono QUELLO che ho cercato. Sono la stessa vetta della MIA montagna. Guardo la creazione come una pagina del MIO stesso libro. Sono infatti l'UNICO che produce i molti, della stessa sostanza che prendo da ME.
Poiché TUTTO è ME, non vi sono due, la creazione è ME STESSO, dappertutto. Quello che concedo a ME stesso, lo prendo da ME stesso e lo do a ME stesso, l'UNICO, poiché sono il Padre ed il Figlio. Quanto a quello che voglio, non vedo altro che i MIEI desideri, che sgorgano da ME.
Sono infatti il conoscitore, il conosciuto, il soggetto, il governante ed il trono. Tre in UNO è quello che sono e l'inferno è solo un argine che ho messo al MIO stesso fiume, allorché sognavo durante un incubo. Sognai che non ero il SOLO unico e così IO stesso iniziai il dubbio, che fece il suo corso, finché non mi svegliai. Trovai così che IO avevo scherzato con ME stesso.
Ora che sono sveglio, riprendo di sicuro il MIO trono e governo il MIO regno che è ME stesso, il signore per l'eternità."

Blitz israeliano contro la Freedom Flotilla. Video completo.

Qui il video:

Blitz israeliano: sul web tutto il video degli attivisti (1h e 2')

(11 giugno 2010) - La cineasta brasiliana Iara Lee ha messo in rete le riprese non montate del blitz israeliano a bordo della 'Mavi Marmara', una delle imbarcazioni della Freedom Flotilla abbordate mentre si dirigevano verso la Striscia di Gaza lo scorso 31 maggio.
La documentarista di origine coreana, che è un'attivista per i diritti umani, si era imbarcata per girare un video sui pacifisti che volevano portare rifornimenti a Gaza. Nelle immagini, a volte caotiche, caricate su YouTube dal sito CulturesOfResistance.org, si vedono gli uomini del commando vestiti di nero che si calano dagli elicotteri e l'abbordaggio della nave turca da parte di gommoni della Marina israeliana. Si odono numerosi colpi di arma da fuoco, e poi sfilano numerosi feriti su barelle insanguinate o portati a braccia da altri pacifisti.

0 commenti:

Archivio blog