"Finalmente ho raggiunto il MIO traguardo e risolto il segreto della mia anima: Io sono QUELLO a cui rivolgevo le preghiere, QUELLO a cui chiedevo aiuto. Sono QUELLO che ho cercato. Sono la stessa vetta della MIA montagna. Guardo la creazione come una pagina del MIO stesso libro. Sono infatti l'UNICO che produce i molti, della stessa sostanza che prendo da ME.
Poiché TUTTO è ME, non vi sono due, la creazione è ME STESSO, dappertutto. Quello che concedo a ME stesso, lo prendo da ME stesso e lo do a ME stesso, l'UNICO, poiché sono il Padre ed il Figlio. Quanto a quello che voglio, non vedo altro che i MIEI desideri, che sgorgano da ME.
Sono infatti il conoscitore, il conosciuto, il soggetto, il governante ed il trono. Tre in UNO è quello che sono e l'inferno è solo un argine che ho messo al MIO stesso fiume, allorché sognavo durante un incubo. Sognai che non ero il SOLO unico e così IO stesso iniziai il dubbio, che fece il suo corso, finché non mi svegliai. Trovai così che IO avevo scherzato con ME stesso.
Ora che sono sveglio, riprendo di sicuro il MIO trono e governo il MIO regno che è ME stesso, il signore per l'eternità."

Acqua asciutta

L'acqua secca, nuova arma contro il riscaldamento?La settimana scorsa, il dott. Ben Carter del Centro per la Scoperta di Materiali, a Liverpool, ha presentato le sue ricerche nel settore “dell'acqua asciutta", una scoperta che potrebbe rivoluzionare le applicazioni nella Chimica Verde. Ma come l'acqua può essere asciutta? non è un paradosso?


La sostanza somiglia allo zucchero in polvere. 
“Ogni particella d'acqua asciutta contiene una goccia d'acqua chiusa in un rivestimento di biossido di silicio. Circa il 95% dell'acqua asciutta è costituito da acqua “bagnata", precisa il quotidiano britannico Telegraph.
Questo materiale infatti, consiste in microgoccioline di acqua circondate da uno strato idrofobo di biossido di silicio (il maggiore componente della sabbia silicea) opportunamente trattato, in un rapporto di massa pari a 1:19. Questa particolare configurazione, ottenuta semplicemente con l’ausilio di un miscelatore, consente secondo gli autori, di assorbire tre volte la quantità di biossido di carbonio catturata dai singoli componenti separati, e potrebbe rappresentare una soluzione ideale per contrastare i crescenti livelli di CO2 atmosferici che si registrano giorno dopo giorno, per ora solo in laboratorio.Il rivestimento di silice impedisce alle goccioline d'acqua di ricombinarsi e ritornare allo stato liquido. Il risultato è una polvere fine capace di imprigionare gas che associati chimicamente con molecole d'acqua formano ciò che i chimici chiamano idrati.

Gli scienziati ritengono che l'acqua asciutta potrebbe essere utilizzata per intrappolare il diossido di carbonio, un gas a effetto serra per combattere il riscaldamento globale (sic!!).
 
Dai test di laboratorio risulta che il materiale raccoglie una quantità di CO2 tre volte superiore all’acqua ordinaria. In realtà l’acqua asciutta era già nota agli scienziati essendo stata scoperta nel 1968. Ora pero’ i ricercatori l’hanno riscoperta per nuovi usi e ne stanno analizzando il potenziale per una serie di applicazioni: oltre ad assorbire il biossido di carbonio potrebbe ad esempio essere un attrattore di liquidi potenzialmente inquinanti, facilitandone il trasporto o lo stoccaggio.

Fonte:  
http://www.telegraph.co.uk/science/science-news/7964109/Scientists-create-dry-water.html
 

0 commenti:

Archivio blog