"Finalmente ho raggiunto il MIO traguardo e risolto il segreto della mia anima: Io sono QUELLO a cui rivolgevo le preghiere, QUELLO a cui chiedevo aiuto. Sono QUELLO che ho cercato. Sono la stessa vetta della MIA montagna. Guardo la creazione come una pagina del MIO stesso libro. Sono infatti l'UNICO che produce i molti, della stessa sostanza che prendo da ME.
Poiché TUTTO è ME, non vi sono due, la creazione è ME STESSO, dappertutto. Quello che concedo a ME stesso, lo prendo da ME stesso e lo do a ME stesso, l'UNICO, poiché sono il Padre ed il Figlio. Quanto a quello che voglio, non vedo altro che i MIEI desideri, che sgorgano da ME.
Sono infatti il conoscitore, il conosciuto, il soggetto, il governante ed il trono. Tre in UNO è quello che sono e l'inferno è solo un argine che ho messo al MIO stesso fiume, allorché sognavo durante un incubo. Sognai che non ero il SOLO unico e così IO stesso iniziai il dubbio, che fece il suo corso, finché non mi svegliai. Trovai così che IO avevo scherzato con ME stesso.
Ora che sono sveglio, riprendo di sicuro il MIO trono e governo il MIO regno che è ME stesso, il signore per l'eternità."

Mario Monti, ovvero le esigenze dei creditori vengono prima e volenti o nolenti sono questi a dettare l'agenda.





Finalmente Monti l’ha ammesso: “Certo, la nostra politica è recessiva”
Bruno Perini - 11 settembre 2012

Incredibile ma vero! Dopo mesi di polemiche e critiche, per la per la verità provenienti prevalentemente dai circoli keynesiani oltreoceano oltrechè dall'economista premio nobel Paul Krugman che non ha mai nascosto il suoi fendenti, il professor Mario Monti, candido come un neofita, ammette pubblicamente che la politica del suo governo è recessiva, anzi è una delle leve che ha messo in moto la terribile recessione che ha colpito l'economia italiana, mietendo migliaia di disoccupati e una crisi dagli esiti imprevedibili.


Il professor Monti ci ha messo circa sei mesi per ammettere una cosa che tutte le menti ragionevoli dell'occidente avevano previsto: la politica dei due tempi non funziona, l'idea di deprimere in un primo tempo i costi industriali e i consumi nella speranza di creare in un secondo tempo le condizioni per la ripresa è stata abbandonata circa settant'anni fa da lord Keynes quando constatò che il mercato da solo non riesce a risolvere crisi strutturali come quella che ha investito l'Europa. Non è un caso che il vecchio continente non riesca ad uscire dalla crisi economica in atto. I governi europei sono riusciti forse a fermare la crisi del debito degli stati con l'ultimo provvedimento preso dalla Bce di Mario Draghi ma non ci sono segnali o forme di new deal che facciano sperare a una ripresa nell'immediato. Mario Monti ha giustificato il suo outing sostenendo che la recessione era necessaria nel breve periodo per consentire una ripresa nel lungo periodo. È fin troppo facile ricordare al professor Mario Monti che un grande economista come John Maynard Keynes diceva che nel lungo periodo siamo tutti morti.

Monti l'aveva detto da subito:




MA NON CI STATE PRENDENDO IN GIRO?

0 commenti:

Archivio blog