"Finalmente ho raggiunto il MIO traguardo e risolto il segreto della mia anima: Io sono QUELLO a cui rivolgevo le preghiere, QUELLO a cui chiedevo aiuto. Sono QUELLO che ho cercato. Sono la stessa vetta della MIA montagna. Guardo la creazione come una pagina del MIO stesso libro. Sono infatti l'UNICO che produce i molti, della stessa sostanza che prendo da ME.
Poiché TUTTO è ME, non vi sono due, la creazione è ME STESSO, dappertutto. Quello che concedo a ME stesso, lo prendo da ME stesso e lo do a ME stesso, l'UNICO, poiché sono il Padre ed il Figlio. Quanto a quello che voglio, non vedo altro che i MIEI desideri, che sgorgano da ME.
Sono infatti il conoscitore, il conosciuto, il soggetto, il governante ed il trono. Tre in UNO è quello che sono e l'inferno è solo un argine che ho messo al MIO stesso fiume, allorché sognavo durante un incubo. Sognai che non ero il SOLO unico e così IO stesso iniziai il dubbio, che fece il suo corso, finché non mi svegliai. Trovai così che IO avevo scherzato con ME stesso.
Ora che sono sveglio, riprendo di sicuro il MIO trono e governo il MIO regno che è ME stesso, il signore per l'eternità."

TROPPO TARDI PER LA RESISTENZA DEMOCRATICA? La repressione politica si estende agli Stati Uniti.

http://www.voltairenet.org/article152166.html#article152166%20s.html

Traduzione giuditta:http://tuttouno.blogspot.com/

Da cinque anni, diamo l'allarme all'opinione pubblica mondiale sulla volontà dell'amministrazione Bush di trasformare gli Stati Uniti in Stato autoritario. La nostra analisi, che si appoggiava sullo studio di progetti di legge in USA, e non è stata allora presa in considerazione, a causa della scossa psicologica dell'11 settembre. Ciò che era un'intenzione è ormai una realtà, i testi sono ormai messi in pratica: il nuovo regime intimidisce, incalza ed in definitiva imbavaglia i suoi oppositori.
Naomi Wolf (giornalista e scrittore). Ultimo libro pubblicato: The End of America : A Letter of Warning To A Young Patriot) raccoglie prove di questa repressione e tenta di mobilitare i suoi concittadini per difendere le loro libertà.

New York (Stati Uniti) 18 ottobre 2007

Da alcuni mesi ho percorso gli Stati Uniti, dal Colorado alla California, e ho parlato con cittadini di tutti gli strati sociali sulle questioni delle libertà, sugli attacchi che subiscono attualmente e sul programma in dieci tappe che sono in corso per fare di questo paese una società chiusa e repressiva.

Le buone notizie sono che gli statunitensi si sono svegliati e sono coscienti dei pericoli che li sovrastano. Quando mi sono messa in viaggio pensavo che avrei affrontato dell'opposizione, della resistenza o almeno della incredulità se avessi osato parlare dell'oscurantismo che si estende lentamente sul nostro paese e l'eredità di libertà che ha legato i nostri antenati.

Ma mi trovo a parlare d'innanzi ad assemblee che non hanno bisogno di me per preoccuparsi. Gente che ha timore, che hanno percepito da tempo il pericolo che cresce e la società che si prepara.

A mio grande sollievo, ho riscoperto una società americana che è intelligente ed attenta, coraggiosa ed indomabile, della gente che non ha timore di intendere cattive notizie ed agire di conseguenza.

E sono dei patrioti, dei veri, che amano il loro paese a causa dei valori sui quali è stato costruito.

Ma sono scioccata dalle storie che vengono a dirmi nel corso di queste riunioni. E non arrivo più a leggere i miei e-mail ultimamente,così tanto sono pieni di prove che spaventano.

Ed ovunque dove vado, c'è sempre, almeno una volta al giorno, una persona nell'assemblea che si alza per parlare. Ha sempre l'aria solida e forte, coraggiosa… ed improvviso si mette a piangere, sommersa dal timore, nel bel mezzo della sua testimonianza.

L'altro giorno, a Boulder, una giovane madre di due bambini, la trentina, l'immagine stessa dei giovani statunitensi dinamici, è crollata mentre mi parlava: “Sono offesa da tutto ciò che intendo e vedo, vorrei così tanto fare qualcosa! Ma ho così tanto timore. Osservo i miei bambini ed ho timore. Come lottare contro questo timore che hanno piantato in noi? Cosa è meglio per il futuro e la sicurezza dei miei bambini? Devo agire e tentare di cambiare le cose o tacere e non farmi osservare? Ho così tanto timore di trovarsi schedata da qualche parte.„

A Washington D.C. (Distretto della Columbia), la settimana scorsa, un direttore di servizio in un'amministrazione, ex giocatore di calcio, bell'uomo, probabilmente membro del partito repubblicano, mi ha confidato, lontano dai microfoni che aveva timore di firmare il documento che autorizza la FBI di accedere a tutte le informazioni che lo riguardano, come incoraggia l'agenzia anti terrorista. “Ma allo stesso tempo, ho timore non di firmarla, se non lo faccio, io rischio di perdere il mio lavoro, la mia casa… è come in Germania in occasione del censimento dei funzionari„ mi dice di una voce dimessa.

Questa mattina, a Denver, ho parlato per più di un'ora con un alto ufficiale, classificato dall'esercito molto coraggioso, e pluridecorato che si è trovato sull'elenco delle persone sorvegliate (e interdette di prendere l'aereo) perché ha criticato la politica dell'amministrazione Bush. Mi ha mostrato documenti che provano che non soltanto è sorvegliato dai servizi segreti ma che tutta la sua famiglia é spiata ed assillata. Nel corso della sua carriera militare, quest'ufficiale ha condotto molte missioni molto pericolose al servizio del suo paese, ma oggi, quando mi parla del suo timore che i suoi bambini siano tormentati dal governo a causa delle sue opinioni, la sua voce si rompe.

Altrove sono stata contattata da un giurista che lavorava per il ministero della giustizia. Un giorno si è opposto “all'interrogatorio spinto„ di un prigioniero che subiva una tecnica riconosciuta come della tortura. Non soltanto si è trovato dinanzi ad una commissione di disciplina, ma in più è stato vittima di un'indagine criminale, ha perso dell'avanzamento, ha visto il suo computer frugato ed i suoi e-mail cancellati… ed ora è sull'elenco nero e non può prendere più l'aereo.

Una sera, in occasione di una conversazione , un tecnico informatico che lavora per una grande compagnia aerea -e che non fa mistero della sua simpatia per il partito repubblicano- mi spiega che una volta che voi siete sull'elenco, è impossibile uscirne. “Anche se ti dicono che il vostro nome è cancellato, non è vero, abbiamo un sistema doppio che non cancella mai nulla.„

Elisabeth Grant, della coalizione contro la guerra, ha mostrato ad una conferenza stampa la nota scritta a mano e la piccola bandiera degli Stati Uniti trovata nella sua borsa dopo un viaggio in aereo. La nota diceva che l'agenzia anti terrorista non apprezzava le sue letture.

Come all'epoca del Muro di Berlino, quando faccio la coda per farmi frugare negli aeroporti, mi sorprendo a passare di nuovo in rivista il contenuto della mia borsa.

L'altro giorno, a New York, mi sono fatta violenza gettando alla pattumiera una copia dell'ultimo libro di Tara McKelvey "Monstering" che stavo leggendo. Questo lavoro eccellente denuncia le pratiche di interrogatorio utilizzate dalla CIA. Nonostante il fatto che avevo comperato il libro in una libreria pubblica in città… non si sa mai, contiene informazioni “classificate„ e mi potrebbero accusare di fare il gioco dei terroristi leggendolo. (...) Nella mia America a me, quella che mi hanno insegnato a scuola, non ci si comporta così. (...) E tutti mi chiedono la stessa precisazione: cosa possiamo fare?

Questa valanga di prove d'abuso e di danni alle libertà dei cittadini statunitensi mostra chiaramente che un'associazione a delinquere e di sorveglianza sta prendendo sempre più i cittadini innocenti nelle sue reti. È ovvio che questo non ha nulla da vedere con la democrazia - né anche con la corruzione abituale della democrazia. Ed è chiaro che avremo bisogno di un'azione più energetica che semplicemente inviare lettere al nostro deputato.

La gente che viene a testimoniare non é formata da anarchici illuminati, sono di tutte le confessioni politiche, conservatori, apolitici, progressisti. La prima regola di una società in corso di chiusura o già chiusa è che il vostro allineamento con la parte politica al potere non lo protegge affatto; in un vero Stato poliziesco, nessuno è al riparo.

Leggo il mio giornale la mattina e mi sbalordisco:

• Sette soldati hanno pubblicato una lettera nel New York Times per criticare la guerra: poco tempo dopo, due sono morti di cui uno di un proiettile tirato a bruciapelo nella testa.
• Una donna contabile dell'esercito che voleva denunciare gli abusi e deviazioni finanziari è morta nel suo baraccamento, abbattuta di una palla nella testa, anche qui a brucia pelo.
• Pat Tillman, che aveva scritto un e-mail ad un amico dove diceva di avere l'intenzione di denunciare crimini di guerra di cui era stato testimone: una palla nella testa.
• Donald Vance, un dipendente dell'esercito che aveva denunciato traffici di armi nell'ambito dell'esercito in Iraq - rapito da soldati USA dentro la stessa ambasciata USA di Baghdad e chiuso e torturato per delle settimane in una una base militare USA, senza poter contattare un avvocato - ed ufficialmente minacciato di rappresaglie peggiori se parla a chiunque al suo ritorno al paese.
• E nell'ultimo numero di Vanity Fair un subappaltatore dell'esercito che aveva denunciato malversazioni, dice che è stato rapito da soldati US mascherati ed armati, battuto tutta una notte in un prefabbricato, prima di essere espulso d'Iraq il giorno dopo. L'amministrazione militare ha rifiutato di prendere in considerazione il suo reclamo e lo ha fatto espellere da suo posto di lavoro.

Questa mattina New York Times scrive che il dipartimento di Stato (datore di lavoro dei mercenari di Blackwater USA) rifiuta ufficialmente di cooperare con il ministero della giustizia o la FBI nel quadro dell'indagine sull'assassinio di 17 civili iracheni innocenti. La Casa-Bianca appoggia l'atteggiamento di disprezzo del Dipartimento di Stato riguardo la giustizia di questo paese.

Non è un'informazione anodina. I miei lettori che si ricordano alcune cose della storia del XX secolo saranno sconvolti ma non sorpresi. “La seconda tappa„ della chiusura di una società aperta è la dimostrazione da parte dello Stato ai cittadini che la forza paramilitare è al di sopra le leggi del paese e che la legge non può dunque fungere più da rifugio al dissenso.

Permettendo alla FBI ed alla CIA di fermare qualsiasi cittadino statunitense e privarlo dei suoi diritti legali, il segretario alla giustizia ha fatto comprendere ai cittadini USA una lezione molto semplice: Nessuno fra voi è al riparo dall'arbitrario di Stato. Possiamo venire come quando ci piace, ad abbattere la vostra porta e farvi scomparire per sempre… in tutta legalità.

(...) Se l'amministrazione di questo paese annuncia pubblicamente che non sancirà I crimini dei suoi dipendenti in Iraq e farà ostacolo alla giustizia - allora i deputati del congresso avranno il coraggio di affrontare le azioni simili a quelle del Blackwater ,quando questa società guadagnerà il contratto a che ambisce, quello della sicurezza interna negli Stati Uniti?

Oppure questa forza paramilitare, protetta dallo Stato sarà abbastanza potente per intimidirli i nostri rappresentanti - e noi stessi?

Oseremo ancora manifestare nella via se sappiamo che rischiamo di ricevere lo stesso trattamento dei civili di Bagdad, mitragliati da elicotteri di Blackwater? Un deputato oserà proporre una legge contro Blackwater se sa che può farsi uccidere di una palla nella testa, in qualsiasi impunità?

(...) Non dimenticate che, nella situazione attuale, il dipartimento della sicurezza della patria (Homeland Security) ha il diritto legale di utilizzare i mercenari della società Blackwater nella vostra città fin da questa sera.

Naomi Wolf
Giornalista e scrittrice.
Ultimo libro:
The End of America : A Letter of Warning To A Young Patriot.

Leggete anche questo articolo:
http://www.comedonchisciotte.net/downloads/Stato_di_polizia.html

0 commenti:

Archivio blog