"Finalmente ho raggiunto il MIO traguardo e risolto il segreto della mia anima: Io sono QUELLO a cui rivolgevo le preghiere, QUELLO a cui chiedevo aiuto. Sono QUELLO che ho cercato. Sono la stessa vetta della MIA montagna. Guardo la creazione come una pagina del MIO stesso libro. Sono infatti l'UNICO che produce i molti, della stessa sostanza che prendo da ME.
Poiché TUTTO è ME, non vi sono due, la creazione è ME STESSO, dappertutto. Quello che concedo a ME stesso, lo prendo da ME stesso e lo do a ME stesso, l'UNICO, poiché sono il Padre ed il Figlio. Quanto a quello che voglio, non vedo altro che i MIEI desideri, che sgorgano da ME.
Sono infatti il conoscitore, il conosciuto, il soggetto, il governante ed il trono. Tre in UNO è quello che sono e l'inferno è solo un argine che ho messo al MIO stesso fiume, allorché sognavo durante un incubo. Sognai che non ero il SOLO unico e così IO stesso iniziai il dubbio, che fece il suo corso, finché non mi svegliai. Trovai così che IO avevo scherzato con ME stesso.
Ora che sono sveglio, riprendo di sicuro il MIO trono e governo il MIO regno che è ME stesso, il signore per l'eternità."

La truffa dell'energia eolica in italia.




"L’importante -per ora- sarebbe diversificare al massimo e cercare di rendere la produzione energetica il più possibile “autonoma” e quindi non soggetta a ricatti esterni..."
QUI


EOLIENNE GUAL

Video di dimostrazione di una eolica su asse verticale. Questo modello sopporta i venti estremi, produce energia anche con pochissimo vento, nessun rumore, poca manutenzione, gli uccelli non sono possibili vittime, nessun problema di orientamento, ed è un poco meno brutta che le eoliche tradizionali.

Qui da
Tusciaromana.info un articolo molto interessante:

Energia pulita... come? Varie soluzioni ecosostenibili per evitare l'ulteriore asservimento della provincia di Viterbo alle esigenze di Roma

Da quando mi sono espresso sfavorevolmente all'installazione di impianti eolici di grossa portata nella Tuscia ho ricevuto appunti e critiche anche da alcuni amici (in particolare Peter Boom, un olandese che mi ha fatto presente come in Olanda stiano risolvendo il problema energetico proprio con l'eolico), essi mi dicono che se non utilizziamo le fonti energetivhe rinnovabili continueremo ad andare avanti con il petrolio, o peggio con il carbone ed il nucleare.

A voce spiego che l'eolico "pesante", con grandi e numerosi piloni concentrati in aree vergini del territorio, è assolutamente non ecologico perché rovina il paesaggio e richiede una serie di strutture di appoggio che fanno degradare le aree prescelte. Sento però la necessità di precisare -a questo punto- quali sono i modi ed i luoghi idonei per l'utilizzo dell'eolico. Tanto per cominciare è necessario smetterla con la produzione elettrica superflua, bisogna decentrare e non fare grossi impianti, inoltre bisogna mettere i piloni eolici nei pressi delle aree industriali dove occorre l'approvvigionamento energetico. E' ridicolo creare dei grandi parchi eolici in zone verdi per poi convogliare l'energia così prodotta, tramite centraline ed elettrodotti, alle fabbriche. Questo è un sistema assurdo che comporta una grande dispersione di elettricità. Per non rovinare le aree di pregio ambientale è meglio istallare i piloni lungo le autostrade, ad esempio, od in altri ambiti già dedicati a strutture di servizio, in cui l'impatto visivo non è fastidioso.

La cosa più importante è comunque spingere per la produzione energetica locale, da fonti rinnovabili, evitando la produzione energetica concentrata. Consideriamo poi l'alternativa della produzione elettrica con impianti di biogas, recuperando così i liquami delle metropoli, le deiezioni degli allevamenti, gli scarti organici, etc.

Continua QUI

Danimarca: un'eolica esplode per colpa della forza del vento!




3 commenti:

Paoloblogger ha detto...

c'è una repulsione nel DECENTRalizzare la produzione di energia. Il mio punto di vista è che la cosa più importante in assoluto è DECENTRare la produzione di energia, che si faccia con vento, sole, nocciole, biogas, free energy, ma mai dipendere da una CENTRale. Sarebbe un primo passo fondamentale per la democrazia. Qui a Viterbo sta diventando uno schifo, a montalto c'è una megacentrale a metano, a fianco (proprio a fianco) una cominciata e non finita centrale nucleare che di questi tempi rischia di essere terminata,poi c'è la odiata centrale a carbone, e infine vogliono fare l'areoporto civile SENZA IFRASTRUTTURE di collegamento (quasi 2h di treno per andare a Roma...) e con inquinamento acustico e ambinetale considerevole, perchè sorgerebbe a 2 km dall'area urbana.(non è proprio bello vedersi il traffico aereo di Ciampino sopra casa a qualche centianio di metri dal suolo...) Giusto per parlare di asservimento.
Riassumo: si ai pannelli solari o sistemi eolici sopra i tetti di casa, e no alla CENTRalizzazione.
Ciao

Anonimo ha detto...

La mafia calabrese non è l'Italia...
Io avrei postato diversamente, anche se in effetti, l'Itala non s'è desta ancora.

giuditta ha detto...

Se l'impostazione del mio post può dare delle cattive impressioni e può essere migliorato, posso sempre cambiarla. Niente è impossibile...
I consigli e le critiche sono sempre ben accetti.

Archivio blog