"Finalmente ho raggiunto il MIO traguardo e risolto il segreto della mia anima: Io sono QUELLO a cui rivolgevo le preghiere, QUELLO a cui chiedevo aiuto. Sono QUELLO che ho cercato. Sono la stessa vetta della MIA montagna. Guardo la creazione come una pagina del MIO stesso libro. Sono infatti l'UNICO che produce i molti, della stessa sostanza che prendo da ME.
Poiché TUTTO è ME, non vi sono due, la creazione è ME STESSO, dappertutto. Quello che concedo a ME stesso, lo prendo da ME stesso e lo do a ME stesso, l'UNICO, poiché sono il Padre ed il Figlio. Quanto a quello che voglio, non vedo altro che i MIEI desideri, che sgorgano da ME.
Sono infatti il conoscitore, il conosciuto, il soggetto, il governante ed il trono. Tre in UNO è quello che sono e l'inferno è solo un argine che ho messo al MIO stesso fiume, allorché sognavo durante un incubo. Sognai che non ero il SOLO unico e così IO stesso iniziai il dubbio, che fece il suo corso, finché non mi svegliai. Trovai così che IO avevo scherzato con ME stesso.
Ora che sono sveglio, riprendo di sicuro il MIO trono e governo il MIO regno che è ME stesso, il signore per l'eternità."

Giappone. Il Tamiflu cola a fiumi, anzi...nei fiumi

Le Tamiflu coule à flots... dans les rivières !
traduzione di Giuditta

Secondo i ricercatori nipponici, il Tamiflu si sta accumulando nei fiumi. Essi ormai temono che, grazie agli uccelli acquatici, i virus delle influenze stagionali, aviarie o suine, possano sviluppare resistenze agli antivirali.

Alcuni ricercatori della Kyoto University hanno analizzato campioni di tre fiumi che raccolgono le acque rigettate da tre stazioni di depurazione.
Hanno ritrovato delle tracce della molecola attiva del Tamiflu nella totalità dei campioni prelevati, le concentrazioni rilevate raggiungevano a volte 300 ng/l. Inoltre la quantità della medicina è proporzionale al numero delle influenze dichiarate nei dintorni. Insomma, la molecola, evacuata con le urine dei pazienti, attraversa intatta le centrali di depurazione. Test realizzati da un Centro di Ricerche Ambientali di Magdebourg (Germania) hanno messo in evidenza che il solo trattamento efficace per degradarlo sarebbe l'esposizione al sole, che permette dimezzarne la concentrazione... ogni tre settimane.

Medicine a bizzeffe

Non è una novità che le acque superficiali siano inquinate. Pesticidi, inquinanti organici, ormoni, nitrati, metalli pesanti... Tracce di medicine sono state trovate nelle acque degli acquedotti francesi e altrove. Bisogna reagire. Le centrali di depurazione non sono progettate per degradare questo genere di prodotti. La concentrazione di Tamiflu rilevata dall'equipe nipponica non sarà esorbitante ma si avvicina comunque ai limiti raccomandati. Ultimo ingrediente di questo cocktail così vario ed avariato, i cui effetti si fanno già sentire sull'ambiente. Alcune fra le conseguenze più eclatanti:
-il cambiamento di sesso dei pesci
-il divieto di pesca generalizzato in tutte le acque dolci

L'influenza A aggraverà la situazione

Lo studio giapponese è stato condotto tra dicembre 2008 e febbraio 2009, molto prima dell'apparizione della A H1N1. Il Tamiflu era stato utilizzato fino ad allora con parsimonia. Adesso le autorità sanitarie hanno dato degli ordini chiari di prescrizione massiccia di questo antivirale e la consumazione potrebbe divenire enorme, esponenziale... nessuno lo può dire.

I virus fanno una guerra di resistenza

Ma Gopal Ghosh, il responsabile di questa ricerca, ha altri timori, e non da poco. Secondo lui, le concentrazioni misurate in alcuni luoghi sembrano già essere "tanto elevate da poter provocare una resistenza agli antivirali negli uccelli acquatici".

Insomma anche se la dose di farmaco in questi fiumi non è pazzesca , essa può comunque consentire lo sviluppo di ceppi influenzali resistenti ai farmaci antivirali. Gli uccelli acquatici sono un vettore naturale del virus dell'influenza, di qualsiasi tipo: stagionale, aviaria o suina.

Morale: Se assumete il Tamiflu, smettete di pisciare!

Leggere anche: Attenzione al Tamiflu!

Giappone: vietata somministrazione Tamiflu agli adolescenti.
22 Marzo 2007


PS. grazie a Karmaesanguefreddo! per le sue preziose correzioni!

1 commenti:

Paoloblogger ha detto...

Ciao Giuditta, dico solo che stai facendo degli ottimi post ultimamente e anche molto utili. Io mi informo qui sull'influenza inesistente
Continua così!!!!!!

Ciao :)))))))

Archivio blog