"Finalmente ho raggiunto il MIO traguardo e risolto il segreto della mia anima: Io sono QUELLO a cui rivolgevo le preghiere, QUELLO a cui chiedevo aiuto. Sono QUELLO che ho cercato. Sono la stessa vetta della MIA montagna. Guardo la creazione come una pagina del MIO stesso libro. Sono infatti l'UNICO che produce i molti, della stessa sostanza che prendo da ME.
Poiché TUTTO è ME, non vi sono due, la creazione è ME STESSO, dappertutto. Quello che concedo a ME stesso, lo prendo da ME stesso e lo do a ME stesso, l'UNICO, poiché sono il Padre ed il Figlio. Quanto a quello che voglio, non vedo altro che i MIEI desideri, che sgorgano da ME.
Sono infatti il conoscitore, il conosciuto, il soggetto, il governante ed il trono. Tre in UNO è quello che sono e l'inferno è solo un argine che ho messo al MIO stesso fiume, allorché sognavo durante un incubo. Sognai che non ero il SOLO unico e così IO stesso iniziai il dubbio, che fece il suo corso, finché non mi svegliai. Trovai così che IO avevo scherzato con ME stesso.
Ora che sono sveglio, riprendo di sicuro il MIO trono e governo il MIO regno che è ME stesso, il signore per l'eternità."

Influenza H1N1 e omeopatia.


A PROPOS DE LA GRIPPE
di Pierre Jovanovic
traduzione di Giuditta

La pazzia dell'influenza mi esaspera!
Ricevo centinaia di messaggi su questo argomento ma non posso trattare tutto.
Però fra questi ho ricevuto un e-mail molto interessante di un certo Sébastien:

Influenza H1N1 e omeopatia.

Lo pubblico qui in omaggio alla dottoressa Jeanine Fontaine che qualche tempo fa a Montreal mi ha guarito con solamente una piccola pillola omeopatica, mentre un medico generico era pronto a farmi ricoverare d'urgenza.

Sébastien mi ha inviato un articolo ben documentato sull'influenza H1N1 che parla dell'omeopatia come metodo di cura nel 1918 e nel 2009.
I medici omeopatici stimano che i sintomi di una malattia rappresentino le carenze o un disequilibrio psicologico di una persona.
Così si basano su un repertorio di soluzioni che consentono d'infondere forza, coraggio, pazienza, ecc. al fine di equilibrare l'attitudine della persona difronte la malattia.
Nel 1918 utilizzarono contro la Spagnola due rimedi omeopatici molto efficaci (al 99%) rispetto le cure tradizionali.
In questo 2009, o sorpresa, nella "nuova" influenza, gli omeopati messicani hanno identificato gli stessi sintomi descritti dai loro colleghi circa un secolo fa!
Ancora una volta hanno utilizzato le stesse diluizioni per curare, efficacemente, i malati.
Quali preparati?

Gelsemium et Bryonia.

Vediamo su quali aspetti psicologici queste diluizioni agiscono...Allacciatevi le cinture:
-Gelsemium: trac, anticipazione, paura di intraprendere, nervosità, inquietudine.
-Bryonia: paura della povertà, angoscia difronte l'avvenire, desiderio di sicurezza.

Tra-la-là!
Ultimamente non ci hanno bombardato di crisi, insicurezza, paura dell'avvenire, 2012, ecc? Non è prevista una crisi economica disastrosa per questo inverno?

In effetti, questa storia diventa molto triste, e rasenta la dittatura militare nel voler forzare tutto il pianeta alla vaccinazione.
Insomma non ci facciamo prendere dal panico, calma e sangue freddo, non cadiamo nella paranoia...e addio influenza!
Ricordiamoci che nel 1976 il vaccino ha ucciso più persone che l'influenza (1 sola persona) e che il tutto è terminato con un gigantesco processo.

1 commenti:

admin ha detto...

Influenza: videocolloquio omeopatico con prescrizione del medicinale entro poche ore. Cosa osservare per descrivere al meglio i propri sintomi?
La cura di omeopatia unicista risolve i sintomi e rafforza comunque la salute, ma richiede attenzione alle caratteristiche personali di ciascun caso. Il medico omeopata valuta, collega e analizza con il metodo clinico dell’omeopatia unicista per individuare il medicinale omeopatico curativo adatto. Se si è già in cura, è bene contattare il proprio omeopata, altrimenti si può richiedere il Videocolloquio Omeopatico Breve di Omeopatia Dinamica, http://www.omeopatiadinamica.it/wordpress/omeopatia-clinica/influenza/influenza-omeopatia-per-febbre-tosse-e-raffreddore/

Archivio blog