"Finalmente ho raggiunto il MIO traguardo e risolto il segreto della mia anima: Io sono QUELLO a cui rivolgevo le preghiere, QUELLO a cui chiedevo aiuto. Sono QUELLO che ho cercato. Sono la stessa vetta della MIA montagna. Guardo la creazione come una pagina del MIO stesso libro. Sono infatti l'UNICO che produce i molti, della stessa sostanza che prendo da ME.
Poiché TUTTO è ME, non vi sono due, la creazione è ME STESSO, dappertutto. Quello che concedo a ME stesso, lo prendo da ME stesso e lo do a ME stesso, l'UNICO, poiché sono il Padre ed il Figlio. Quanto a quello che voglio, non vedo altro che i MIEI desideri, che sgorgano da ME.
Sono infatti il conoscitore, il conosciuto, il soggetto, il governante ed il trono. Tre in UNO è quello che sono e l'inferno è solo un argine che ho messo al MIO stesso fiume, allorché sognavo durante un incubo. Sognai che non ero il SOLO unico e così IO stesso iniziai il dubbio, che fece il suo corso, finché non mi svegliai. Trovai così che IO avevo scherzato con ME stesso.
Ora che sono sveglio, riprendo di sicuro il MIO trono e governo il MIO regno che è ME stesso, il signore per l'eternità."

Con o senza squalene la vostra dose di vaccino contro l'influenza A?

In questo video vengono paragonati:
-a sinistra un vaccino contro l'influenza contenente dello squalene.
-a destra un vaccino contro l'influenza stagionale senza squalene.


Comment savoir si un vaccin contient du squalène ?

Lo squalene si vede, è un prodotto lipidico (grasso) che misto con dell'acqua si trasforma in emulsione lattiginosa, e conferisce al vaccino un aspetto opaco che rassomiglia a latte.
Un vaccino senza squalene è completamente trasparente.
Dunque, qual che sia la vostra opinione sullo squalene, è sufficiente guardare la dose per vedere se contiene squalene o no.

2 commenti:

Anonimo ha detto...

Una campagna di stampa senza precedenti ha martellato per mesi le popolazioni in termini “terroristici”, si sono costruiti impianti per la produzione di vaccino mesi prima che il virus si diffondesse, la Food and Drug Administration (FDA), negli Usa, “vista l’urgenza”, ha approvato i vaccini per l’H1N1 (influenza suina) prima che i dati dei test fossero in grado di dimostrare la loro sicurezza ed efficacia contro il virus, violando ogni principio etico, ignorando la sicurezza reale, senza alcuna cautela, il famoso principio di precauzione.

Lo stesso ha fatto il nostro Servizio Sanitario Nazionale, acquistando a scatola chiusa i vaccini dalla Novartis e omettendo beatamente di chiedersi se non costituisse un problema il fatto che i test – sia pure di brevissima durata,da pochi giorni a poche settimane, e quindi inevitabilmente poco affidabili – siano stati condotti sugli adulti, mentre si è cominciato a vaccinare bambini e donne incinte, appunto le categorie individuate come a maggior rischio.

Per questo vaccino, a differenza di quelli per l’influenza stagionale, in cui i ceppi del virus venivano fatti crescere nelle uova di gallina, si usano tessuti di scimmia verde africana, proprio per ridurre i tempi di produzione. Ma non finisce qui: dal momento che il potere immunizzante ottenuto è piuttosto basso, si provvede ad incrementarlo con sostanze adiuvanti in quantità maggiori rispetto agli altri vaccini.

Così, limitandoci a quelle principali, troviamo livelli pericolosi di mercurio, sotto forma di thimerosal, un conservante 50 volte più tossico del mercurio stesso. Può provocare a lungo termine disfunzioni del sistema immunitario, sensoriali, motorie, neurologiche, comportamentali. Poi abbiamo un composto contenente alluminio. Rilascia un antigene (una sostanza attiva che è in grado di generare una risposta immunitaria maggiore dal corpo, e quindi lo fa reagire con i prodotti di tale risposta), causando forti reazioni che possono compromettere il sistema immunitario. È stato associato alla Sindrome della Guerra del Golfo che ha causato enormi danni permanenti a migliaia di militari.

L’alluminio è una causa nota di molte disfunzioni cognitive. Il terzo killer è lo squalene: un olio naturale ricavato dagli squali (per lo più si trovato nel fegato). Lo squalene induce infiammazioni croniche mediate dal sistema immunitario, in particolare delle giunture, che i medici chiamano artrite reumatoide. Le conseguenze sulle persone che hanno già una infiammazione prodotta dal sistema immunitario non sono irrilevanti, come pure l’insorgenza di nuovi casi di lupus e stanchezza cronica.

Lo squalene viene aggiunto a tutti i nuovi vaccini. E’ associato anch’esso alle migliaia di militari che hanno contratto la “Sindrome della Guerra del Golfo” e hanno subito danni irreparabili del sistema immunitario, compreso lupus, sclerosi multipla, fibromialgia e artrite reumatoide. Se ciò non bastasse, si mescolano nel vaccino due ceppi dell’influenza porcina, due ceppi dell’influenza aviaria e un ceppo dell’influenza umana. Nessuno sa a cosa può condurre questo cocktail, ma è fondata la preoccupazione che tali virus possano ricombinarsi e mutare all’interno del corpo umano.

Paradossalmente, si rischia di produrre quella mutazione del virus H1N1, che è uno dei principali argomenti di quanti affermano la necessità del vaccino, perché – dicono – se oggi la sindrome è piuttosto blanda, una mutazione potrebbe renderla molto più pericolosa.

Paoloblogger ha detto...

FDA...
Sono sempre i soliti pezzi di m**da.
Se ci sono loro vai SICURO che la cosa che trattano con favore, non è a tuo favore ma solo il loro favore e dei loro padroni...
Ciao

Archivio blog