"Finalmente ho raggiunto il MIO traguardo e risolto il segreto della mia anima: Io sono QUELLO a cui rivolgevo le preghiere, QUELLO a cui chiedevo aiuto. Sono QUELLO che ho cercato. Sono la stessa vetta della MIA montagna. Guardo la creazione come una pagina del MIO stesso libro. Sono infatti l'UNICO che produce i molti, della stessa sostanza che prendo da ME.
Poiché TUTTO è ME, non vi sono due, la creazione è ME STESSO, dappertutto. Quello che concedo a ME stesso, lo prendo da ME stesso e lo do a ME stesso, l'UNICO, poiché sono il Padre ed il Figlio. Quanto a quello che voglio, non vedo altro che i MIEI desideri, che sgorgano da ME.
Sono infatti il conoscitore, il conosciuto, il soggetto, il governante ed il trono. Tre in UNO è quello che sono e l'inferno è solo un argine che ho messo al MIO stesso fiume, allorché sognavo durante un incubo. Sognai che non ero il SOLO unico e così IO stesso iniziai il dubbio, che fece il suo corso, finché non mi svegliai. Trovai così che IO avevo scherzato con ME stesso.
Ora che sono sveglio, riprendo di sicuro il MIO trono e governo il MIO regno che è ME stesso, il signore per l'eternità."

Contro il cancro. La Pervinca del Madagascar.

 

traduzione di Giuditta

La pervinca del Madagascar o Catharanthus, della famiglia delle Apocinacee.
Pianta ornamentale in Europa, è originaria del Madagascar, col tempo si è diffusa su tutte le coste del Pacifico.

La storia del suo utilizzo.
I malgasci utilizzavano la pervinca per le sue proprietà di «coupe faim» (blocca fame) per diminuire l'appetito e calmare la fame, ma anche per le sue proprietà farmacologiche:
vermifughe, cura delle punture di insetti, disinfettante di ferite, anti-malariche e diuretiche.
In seguito, prima  a Noble (Canada) nel 1920, e poi a Svoboda (USA) nel 1957 alcune ricerche hanno dimostrato l'effetto anti-leucemico della pervinca.

Principio attivo.
La pervinca produce due principi attivi: la Vinblastina e la Vincristina, isolata tra il 1958 e il 1965, quando la sua azione anti-tumorale è stata dimostrata.
Queste molecole appartengono alla famiglia degli alcaloidi (eterocicli azotati).
Tutta la pianta è utilizzata e vengono estratte da una tonnellata di pervinca 1 g di vinblastina più 10 g di vincristina.
  
Le molecole di sintesi
La vinblastina può essere prodotta sinteticamente a partire di due composti naturali presenti nella pianta: la catarantina e la vindolina.
A partire della vinblastina il professor Potier e il suo team sintetizzano nel 1978 una molecola molto più efficace: la navelbina (ndt. o virnorelbine)

Modalità d'azione
Il cancro è una moltiplicazione incontrollata delle cellule. 
Un passo della divisione cellulare o mitosi, coinvolge la migrazione dei cromosomi lungo i filamenti (microtubuli composti di tubulina).

Le molecole derivate dal pervinca inibiscono l'assemblaggio della tubulina nei microtubuli: sono dei veleni per la mitosi.

Nel 1971il team del professor Potier, durante le sue ricerche, ha messo a punto un test per selezionare e identificare i prodotti che bloccano la divisione cellulare: il test della tubulina.

La vinblastina è particolarmente attiva nel trattamento della malattia di Hodgkin, la vincristina invece è attiva nella leucemia acuta dei bambini, mentre la navelbina è indicata nel trattamento dei tumori del polmone e della mammella.

1 commenti:

paolo ha detto...

Vedevo usare vincristina e vinblastina da studente e da neo-laureato a cavallo della metà degli Anni Settanta.
Non so se in Oncologia le usino ancora. Da allora me ne sono disinteressato. Comunque tali molecole non sono scevre da effetti collaterali e tutt'altro che risolutive in tali drammatiche patologie.

Archivio blog