"Finalmente ho raggiunto il MIO traguardo e risolto il segreto della mia anima: Io sono QUELLO a cui rivolgevo le preghiere, QUELLO a cui chiedevo aiuto. Sono QUELLO che ho cercato. Sono la stessa vetta della MIA montagna. Guardo la creazione come una pagina del MIO stesso libro. Sono infatti l'UNICO che produce i molti, della stessa sostanza che prendo da ME.
Poiché TUTTO è ME, non vi sono due, la creazione è ME STESSO, dappertutto. Quello che concedo a ME stesso, lo prendo da ME stesso e lo do a ME stesso, l'UNICO, poiché sono il Padre ed il Figlio. Quanto a quello che voglio, non vedo altro che i MIEI desideri, che sgorgano da ME.
Sono infatti il conoscitore, il conosciuto, il soggetto, il governante ed il trono. Tre in UNO è quello che sono e l'inferno è solo un argine che ho messo al MIO stesso fiume, allorché sognavo durante un incubo. Sognai che non ero il SOLO unico e così IO stesso iniziai il dubbio, che fece il suo corso, finché non mi svegliai. Trovai così che IO avevo scherzato con ME stesso.
Ora che sono sveglio, riprendo di sicuro il MIO trono e governo il MIO regno che è ME stesso, il signore per l'eternità."

Siria. Un lobbista della Shell a capo della Coalizione Nazionale

Assolutamente sconosciuto dal pubblico internazionale, ancora una settimana fa, lo sceicco Moaz al-Khatib è stato eletto presidente della Coalizione nazionale siriana, l'opposiziome filo-occidentale al governo di Damasco. Descritto, per mezzo di una intensa campagna di pubbliche relazioni, come un'alta personalita' morale senza legami di parte o economici, in realtà è membro dei Fratelli musulmani e un dirigente della compagnia petrolifera Shell.
traduzione di Giuditta per TUTTOUNO
 
La frammentazione dell'esercito dell'opposizione siriana riflette i conflitti tra gli Stati (Francia, Usa, ...) che stanno cercando di "sostituire il regime" di Damasco.
Particolarmente importante è il Consiglio Nazionale (CNS), noto anche come Consiglio di Istanbul, perché creato in Turchia. Tenuto con mano di ferro dalla DGSE francese e finanziato dal Qatar. I suoi membri, che hanno ottenuto il diritto di soggiorno in Francia e vari favori, sono costantemente sotto la pressione dei servizi segreti che dettano loro ogni fatto e gesta e parola.


[ ...]

Cercando di recuperare la leadership e ristabilire l'ordine in questa cacofonia, Washington ha invitato la Lega Araba a convocare una riunione a Doha,  ha "silurato" il CNS, e ha costretto il maggior numero possibile dei piccoli gruppi ad accettare una singola struttura: La Coalizione nazionale delle forze di opposizione e della Rivoluzione. Dietro le quinte, l'ambasciatore Robert S. Ford ha egli stesso distribuito i posti e le prebende. In ultima analisi, si è imposto come presidente una personalità della Coalizione che non era mai stata citata dalla stampa: Moaz Sheikh Ahmad Al-Khatib.

[ ... ]

 Ecco il cosa dice l’Agence France Presse (AFP):
« Moaz Sheikh Ahmad Al-Khatib, l'uomo del consenso.
Nato nel 1960, lo sceicco Ahmad Al-Khatib Moaz è un religioso moderato che era un tempo imam della Moschea degli Omayyadi di Damasco e non appartiene ad alcun partito politico.
E 'questa indipendenza, e la sua vicinanza a Riad Seif all'origine dell'iniziativa di una vasta coalizione, che lo ha reso un candidato ideale per la leadership dell'opposizione.
Islamista sufi, questo dignitario religioso che ha studiato le relazioni internazionali e la diplomazia non è legato ai Fratelli Musulmani o qualsiasi forza di opposizione islamista.
Più volte arrestato nel 2012 per aver chiesto pubblicamente la caduta del regime di Damasco, gli è stato proibito di parlare nelle moschee siriane per ordine delle autorita' e ha trovato rifugio nel Qatar.
Originario di Damasco, ha giocato un ruolo decisivo nella mobilitazione della periferia della capitale, specialmente Douma, molto attivo dall'inizio della mobilitazione pacifica nel marzo 2011.
“Shaykh al-Khatib è una figura di consenso che ha un vero e proprio sostegno popolare sul posto”, Souligné Khaled al-Zayni, membro del consiglio nazionale siriano du (CNS). »
La verità è ben diversa.

JPEG - 14.8 koIn realtà, non vi è alcuna prova che lo sceicco Ahmad Al-Khatib Moaz abbia mai studiato relazioni internazionali e diplomazia, ma ha una formazione d'ingegnere in geofisica e ha lavorato sei anni per al-Furat Petroleum Company ( 1985-91). Questa società è una joint venture tra le aziende nazionali ed estere, la anglo-olandese Shell con la quale ha mantenuto dei legami.
Nel 1992, ha ereditato dal padre lo sceicco Muhammad Abu al-Faraj al-Khatib il prestigioso incarico di predicatore della Moschea di Omayyadi.
Fu rapidamente sollevato dal suo incaric, con l'interdizione di predicare in Siria. Tuttavia, questo episodio non è del 2012 e non ha nulla a che fare con la disputa in corso, ma risale a venti anni fa, sotto Hafez al-Assad.
La Siria sosteneva allora l'intervento internazionale per liberare il Kuwait, allo stesso tempo per rispettare il diritto internazionale, per finirla con il  rivale iracheno, e per avvicinarsi all'Occidente. Lo sceicco, era contrario al « Desert Storm » per motivi religiosi, gli stessi annunciati da Osama bin Laden, tra cui il rifiuto della presenza occidentale in terra d'Arabia, considerato un sacrilegio. Questo lo portò a pronunciare discorsi antisemiti e anti-occidentali. Successivamente, lo sceicco ha continuato l'attività di educatore religioso, in particolare presso l'Istituto olandese di Damasco. Ha intrapreso numerosi viaggi all'estero, soprattutto nei Paesi Bassi, il Regno Unito e gli Stati Uniti. Infine, e è fissato nel Qatar.
Nel 2003-04, è tornato in Siria come lobbista del gruppo Shell per l'aggiudicazione delle concessioni di petrolio e di gas leasing. E' tornato ancora una volta in Siria agli inizi del 2012 e qui "attizza il fuoco" della rivolta nel quartiere di Douma (sobborgo di Damasco). Arrestato, poi graziato, ha lasciato il paese nel mese di luglio e si è stabilito al Cairo.
La tradizione della sua famiglia è Sufi, ma a differenza delle dichiarazioni della AFP, è membro dei Fratelli Musulmani e lo ha anche dimostratoalla fine del suo discorso inaugurale a Doha. Con la solita tecnica della Fratellanza, egli ha adattato non solo la forma, ma la sostanza del suo discorso al suo pubblico. A volte, a favore di una società multireligiosa, a volte a favore del ripristino della sharia. Nei suoi scritti, egli qualifica il popolo ebraico di "Nemici di Dio" e i musulmani sciiti di "Eretici negazionisti", epiteti che lo rendono passibile di pena di morte.
In ultima analisi, l'ambasciatore Robert S. Ford ha ben giocato la sua carta. Washington, ancora una volta inganna i suoi alleati. Come in Libia, La Francia ha preso tutti i rischi, ma Total non beneficiera' di alcuna concessione vantaggiosa.
Fonte:
http://www.egaliteetreconciliation.fr/Un-lobbyiste-de-Shell...

1 commenti:

Anonimo ha detto...

Denunciamo il fallimento della stampa ufficiale nel silenziare la gravità del contesto e delle atrocità commesse da Israele contro Gaza
http://www.effedieffe.com/index.php?option=com_content&view=article&id=172564:denunciamo-il-fallimento-della-stampa-ufficiale-nel-silenziare-la-gravita-del-contesto-e-delle-atrocita-commesse-da-israele-contro-gaza&catid=83:free&Itemid=100021

fin dai tempi di "piombo fuso" (ed oltre) una delle figure più vergognose del "giornalismo" italiota:
Pagliara ma è Rai o la voce di Netanyahu?
http://www.globalist.it/Detail_News_Display?ID=36126&typeb=0&Pagliara-ma-e-Rai-o-la-voce-di-Netanyahu-
sic

Archivio blog