TRUMP candeggina e vaccini: TANTO di CAPPELLO!


Ogni volta Trump esce vincitore e aumenta un po' di più il suo tasso di gradimento.


Probabilmente abbiamo la spiegazione, e non è quello che pensate.

Possiamo dire quello che vogliamo, ma il presidente americano ha dimostrato molte volte la sua esperienza nell'aggirare una questione, per infine abbordarla con piccoli trucchi. Ce ne ha appena dato un'altra dimostrazione.

Per capirci:

Round n.1  - Giovedì 9 aprile. Il rispettato procuratore generale degli Stati Uniti William Barr si è dilungato in un discorso pubblico, per esprimere la sua ostilità alla proposta di Bill Gates, cioé di impiantare "certificati digitali" nel corpo umano per dimostrare che una persona è stato vaccinata contro il corona-virus. Proposta considerata pericolosa e liberticida, al contrario favorita da tutte le élite globaliste contro le quali il presidente e la sua squadra si battono sin dall'inizio.
In breve, Trump non vuole la vaccinazione generalizzata e la tracciabilità.


Round n.2 - Giovedì 23 aprile. Il presidente ha suscitato scalpore commentando gli studi in corso sul ruolo dei disinfettanti nell'eliminazione del virus su determinate superfici. Quindi, dice in modo apparentemente ingenuo:
“E poi vedo il disinfettante, che lo fa fuori in un minuto. Un minuto. E chissà se c’è [“is there”, forma interrogativa, qui nella trascrizione della BBC c’è anche il punto interrogativo finale] un modo di fare qualcosa del genere, tramite iniezione dentro [?] o quasi una pulizia [?]. Perché vedete [il virus] arriva nei polmoni e ha un tremendo effetto sui polmoni. Così sarebbe interessante controllare questa cosa. Dovrete usare dei medici per questo. Ma mi sembra interessante. Insomma vedremo. Ma questa faccenda della luce, del modo in cui uccide il virus in un minuto, questa – questa è piuttosto potente." Che cosa ha veramente detto Trump
Immediatamente, tutti i benpensanti del mondo cadono nella trappola coprendolo di insulti, arrivando persino a far dire a Trump, cosa che non ha mai detto, che raccomanda di ingerire candeggina per eliminare il Covid-19 (lui ha parlato di disinfettante ...).

Quasi ovunque leggiamo: Trump è un deficiente, un sempliciotto che ancora una volta si ridicolizza, ... conosciamo la canzone.
Giornalisti e medici televisivi, profumatamente stipendiati dai grandi laboratori farmaceutici, lo hanno persino definito un criminale per il semplice fatto che, avrebbe, suggerito che l'ingerimento di un disinfettante potrebbe diventare una cura contro il virus.

Immaginate: un DISINFETTANTE!

Ma qual è il legame tra la scena 1 e la scena 2?

È allo stesso tempo semplice e diabolicamente intelligente: con il suo commento apparentemente stupido, Trump voleva far reagire l'intera comunità mondiale facendogli gridare a gran voce che era criminale iniettare disinfettante nel corpo di un essere umano per combattere il coronavirus.

Tuttavia, si sa (basta leggere il bugiardino) che i vaccini contengono diversi disinfettanti in quantità significative, tra cui soprattutto la formaldeide 1 , il β-propiolattone2 e i microbicidi (agenti detergenti), accusati, tra l'altro, di essere cancerogeni, di attaccare il fegato, il tratto respiratorio e il sistema gastrointestinale. Accuse naturalmente contestate dall'industria farmaceutica.

Trump è riuscito a fare ammettere ufficialmente, ai media mainstream e all'intera intellighenzia globale, che i disinfettanti sono velenosi per l'uomo, anche se essi stessi difendono i vaccini , in gran parte composti da disinfettanti.

Un'ipocrisia che probabilmente non sfuggirà al popolo americano quando sorgerà la questione del vaccino ...

La tecnica di incolpare volontariamente se stesso per provocare il suo avversario e portarlo giù, per un percorso che poi si ritorcerà contro di lui, è una caratteristica di Trump. Lo abbiamo visto con il dossier fasullo della presunta collusione russa, con l'impossibile processo di impeachment e molte altre situazioni: Trump provoca e apre una breccia in cui di corsa, i suoi avversari si precipitano a testa in giù, soddisfatti di eccitazione.
Dovremmo ormai averlo capito, ogni volta Trump ne esce vincitore e aumenta un po 'di più il suo tasso di approvazione.


Link:
Trump, l’eau de Javel et les vaccins : chapeau !

Trump ha voluto illustrare nel modo più chiaro un concetto: come un politico non è obbligato a saperne di virus, e per questo dovrebbe limitarsi a fare domande in proposito ("C'è un modo di iniettare disinfettante? Si può usare la luce ultravioletta?"), allo stesso modo i virologi non ne capiscono una cippa di economia, e non dovrebbero quindi pretendere di dettare le politiche nazionali ma dovrebbero limitarsi al massimo a fare domande ("E' possibile fermare tutto un Paese per settimane o mesi? Quali sono le conseguenze di un lockdown prolungato sul tessuto socioeconomico?"). La differenza è che se Trump riconosce i suoi limiti e fa quindi domande, i virologi non riconoscono i loro e fanno asserzioni categoriche, le cui conseguenze si stanno già dimostrando molto più letali del virus stesso.

Candeggina! Che cosa ha veramente detto Trump
        "Iniezioni contro Covid": ecco cosa si nasconde dietro le frasi di Trump

Commenti

Post popolari in questo blog

Semi di albicocca contro i tumori

Elenco dei prodotti israeliani da boicottare

Mio figlio ha sempre cerchi scuri sotto gli occhi, perché?

Romina Power: "Dico no ai vaccini e vi spiego perché"

Vaccino obbligatorio? Cosa fare per neutralizzarlo.

Chemtrails. Chiudono la bocca alla vera informazione